Fra le novità del prossimo anno trova posto un evento particolarmente ghiotto per i fan. Per i fan di chi? Per almeno tre tipologie di appassionati. Quelli che seguono Nek. Quelli che ammirano la facilità con la quale Max Pezzali disegna – da anni – le sue storie cantate. Quelli che dopo aver ascoltato il timbro vocale di Francesco renga non lo hanno dimenticato. Insomma, come una sorta di tre moschettieri delle sette note cantate e raccontate, i tre popolari artisti hanno pensato bene di regalare – il debutto previsto porta la data del 20 gennaio 2018 a Bologna – qualcosa di veramente unico ai loro sostenitori. Il numero dei concerti al momento è fissato a dieci.

Il tour e il Festival di Sanremo

Quindi, già da adesso, per il nuovo anno i tre cantautori appaiono particolarmente impegnati. E, all’interno di questi progetti, sembra non mancare nemmeno il tema sanremese. Infatti e proprio nella stagione del festival, il tour di Nek, Max e Renga dovrebbe subire un arresto. Al proposito, uno dei tre artisti – segnatamente Nek – ha dichiarato che “Tutto quello che riguarda il Festival, eventualmente anche la co-conduzione, ha già il nostro sì”. Quindi, è lecito pensare ai componenti il gruppo come probabili partecipanti o, magari, come super ospiti: anche per Sanremo sarebbe un’ottima occasione per ospitare in un colpo solo tre beniamini della musica italiana. Invece e per riprendere il tema dei dieci concerti nei palazzetti, è stato notato che mancano delle date nelle città di Milano e Roma.

I migliori video del giorno

L’ipotesi è che stiano pensando, forse e a questo punto, agli stadi. Tale versione è stata commentata – tra il serio e il faceto – da Max Pezzali con ''Per me San Siro è il patrono di Pavia. Vediamo dove ci portano le prevendite...''.

Tre personalità

I concerti del 2018 del nuovo gruppo italiano nascono sicuramente all’insegna della condivisione. Nek ha fatto capire che, in questo progetto, lo spazio individuale di artista sarà sorpassato dalla voglia di creare un evento autenticamente nuovo. Di certo le qualità di ognuno sono abbastanza delineate. Renga, partito con il rock dei Timoria, è poi passato con successo al belcanto da solista. Max Pezzali già con gli 883 mostrò da subito la sua capacità di raccontare la provincia. Nek, insieme a Ramazzotti e Laura Pausini, ha rappresentato e in gran parte ancora lo rappresenta, il pop-rock italiano da esportazione. Tre modi di essere artisti che, probabilmente, costituiranno un mix giusto per un evento unico.