Lunedì 23, alle 10, alla Sala della comunicazione del ministero dell'Istruzione si terrà "Biblioteche per apprendere", seminario di carattere internazionale. Si punta a una visione decisamente innovativa della Biblioteca, come vero e proprio luogo di apprendimento. In un tempo caratterizzato dalla straripante informazione proveniente da internet, la biblioteca può assumere una funzione formativa e consentire ai giovani di sviluppare potenzialità e capacità sul fronte dell'analisi e su quello della creatività. Prevista anche la partecipazione di Raffaella Vincenti della Biblioteca apostolica di Città del vaticano.

La storia

Il Codice dei Beni culturali definisce "biblioteca" un luogo che raccoglie un insieme di libri e materiale informativo.

In età contemporanea lo sviluppo di tali strutture si registra intorno al XIX secolo, ma sono diversi i riferimenti ad antiche raccolte di tavolette risalenti già al II secolo avanti Cristo nel Vicino Oriente antico. Esempi di biblioteche classiche riguardano, inoltre, la Civiltà greca e l'Impero romano. La crisi del Medioevo investì anche le biblioteche. Si deve al Rinascimento, infine, la svolta per la realizzazione della biblioteca in chiave moderna.