Un'occasione per tutta la famiglia, la visita alla mostra 'egitto. La straordinaria scoperta del faraone Amenofi II' al Mudec di Milano, in via Tortona, 56. Il Museo delle Culture fu inaugurato nel 2014, per promuovere appunto i vari tipi di espressione culturale nel mondo. Lo spazio espositivo si sviluppa su due piani: il piano terra accoglie i visitatori e comprende una biblioteca, un laboratorio per il restauro, uno spazio conferenze e un'area per i più giovani, chiamata Mudec Junior; il piano superiore invece è dedicato alle collezioni permanente e alle esposizioni temporanee.

Tutte le informazioni sulla mostra Egitto

La mostra è emozionante, perchè permette di fare un viaggio indietro nel tempo di quasi 3.500 anni.

La visita ruota attorno alla figura di Amenofi II, faraone che visse dal 1.427 a.C. al 1.401 a.C. Fu Victor Loret, egittologo e archeologo francese, a scoprire la sua tomba, nel 1898, e attraverso i reperti presenti è possibile rivivere i punti chiave di passaggio per arrivare a tale ritrovamento. Il faraone non è ancora così celebre per il pubblico e ora i documenti che narrano di lui, custoditi dall'Università degli Studi di Milano, verranno esposti a tutti i visitatori. Grazie al vissuto di Amenofi II la mostra riesce a ripercorrere la quotidianità degli antichi egizi e non solo, perchè attraversa anche la loro religiosità, l'Arte e la milizia, la cura del corpo e la moda. I reperti da ammirare fanno parte di una selezione derivante dal Museo del Cairo e dal Rijksmuseum di Leida. La parte più accattivante della visita è sicuramente la possibilità di entrare nella tomba del faraone: i grandi spazi del Mudec e gli innovativi strumenti di realtà virtuale hanno permesso di concretizzare la riproduzione in scala 1:1 della camera funeraria.

I migliori video del giorno

L'archeologo Loret scoprì inoltre che nella tomba di Amenofi II vi erano nascoste altre mummie, per salvaguardare i loro corpi durante il viaggio per la vita eterna. I corpi venivano imbalsamati, avvolti in bende e adornati con ghirande di fiori, che saranno presenti in mostra, per essere osservate, anche se tali ghirlande si erano di proprietà della mummia di Ramesse II. Grazie a queste testimonianze si può comprendere pertanto quanto fosse complesso e importante il culto dei morti per l'antico Egitto.

Le date e gli orari della mostra

La mostra si terrà fino al 7 gennaio 2018. Gli orari sono: lunedì dalle 14,30 alle 19,30, martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9,30 alle 19,30, giovedì e sabato dalle 9,30 alle 22,30. La biglietteria chiude un'ora prima. Infoline: 0254917 (chiamare dal lunedì al venerdì dalle 10,00 alle 17,00).

Per restare aggiornati sulle tematiche di arte ed eventi potete cliccare il pulsante Segui, posizionato in alto alla pagina