5 cose sulla Manovra del Cambiamento che dovrebbero far riflettere

La manovra in deficit va in contro a probabile bocciatura a Bruxelles
La manovra in deficit va in contro a probabile bocciatura a Bruxelles

Si ipotizza di finanziare il deficit grazie alla crescita economica che tuttavia appare improbabile.

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
Previsioni astrali 22/09: Cancro sottotono, Toro ottimista
1

La manovra porterà il deficit al 2,4%

Al termine del braccio di ferro tra il ministro dell'economia Tria e i due vicepremier Salvini e Di Maio è prevalsa la linea meno conservativa: il rapporto tra Deficit e Pil è atteso al 2,4%. Alla base di questo risultato ci sarebbero circa 10 miliardi da impiegare per il reddito di cittadinanza, 7 per la riforma delle pensioni e 3,5-4,5 per il pacchetto fiscale. L’obbiettivo indicato si colloca molto al di sopra dello 0.8-0.9% previsto dal governo precedente.

2

Secondo il governo, il deficit il governo sarà ripagato dalla crescita

Non essendo indicate valide coperture per gli aumenti di spesa previsti nel DEF, secondo quanto dichiarato dal ministro Tria, ci si attende che la dinamica del deficit in futuro venga contenuta da crescita economica attesa superiore alle aspettative. Si tratta di un’ipotesi quantomeno controversa poiché non c’è traccia nei dati ufficiali di revisioni al rialzo del tasso di crescita.