Uno spin - off di un ramo aziendale, di solito, viene effettuato per aumentare la redditività dello stesso. Anche perché rimane, comunque, all'interno del perimetro del gruppo di appartenenza. E non potrebbe essere altrimenti. Si potrebbero citare centinaia di esempi. Dal caso di Ebay e Paypal [VIDEO] nell'e-commerce, fino alla Fiat e la Ferrari. Comunque, il prossimo scorporo della rete infrastrutturale Tim, con la creazione di una società distinta e separata rispetto al provider di servizi telefonici e internet, dovrebbe portare dei sostanziali vantaggi anche all'economia in generale e ai consumatori in particolare. Vediamo di andare più in profondità.

I vantaggi economici generali

La creazione di una società distinta per le infrastrutture di rete avrà, come effetto immediato, una maggiore focalizzazione della casa madre, in questo caso Tim [VIDEO], sul proprio core business. Questo potrebbe, inizialmente, farsi sentire sulle quotazioni dell'azienda. In particolare se la nuova realtà aziendale verrà dotata anche delle infrastrutture attive e, quindi sarà una azienda completa, i valori nel breve termine potrebbero scendere per scontare lo scorporo in atto, per poi risalire. Se, poi, la nuova società dovesse essere, a sua volta, quotata, anche se in un secondo momento, si creerebbe ulteriore valore per gli azionisti.

Oltre a questi vantaggi più direttamente aziendali, come fa notare Francesco Sacco, docente della Bocconi di Milano, si risolverebbero alla radice i problemi posti dai diversi concorrenti di Tim sulla qualità del servizio offerto agli utenti.

Inoltre, si migliorerebbe la concorrenza sul mercato in quanto la nuova società potrebbe competere ad armi pari con la Open Fiber di Enel. Cosa che spingerebbe a incrementare gli investimenti dei due soggetti sulla fibra ottica. Migliorando il tasso di copertura del territorio nazionale oltre che la qualità del servizio.

I vantaggi per ì consumatori

D'altra parte, una società esclusivamente concentrata sulle infrastrutture di rete potrà offrire dei prezzi e delle tariffe veramente concorrenziali alla clientela finale. Oltre che servizi innovativi. Potrebbero, ad esempio, essre offerti servizi distinti sa seconda del tipo di clientela se privata o business, fa notare Sacco, andando a sfruttare anche le agevolazioni messe in campo dal Governo con Impresa 4.0.

Gli eventuali nuovi investimenti delle aziende per sviluppare i servizi per la banda ultralarga in 5G potrebbero, poi, essere un buon volano per l'occupazione e nuove opportunità di lavoro per gli italiani, aspetto, questo da non trascurare affatto.