Si tratta di una svolta storica [VIDEO]per uno dei marchi più prestigiosi e famosi del food and beverage mondiale, se non il più famoso in assoluto. Stiamo parlando ovviamente di coca cola: dopo oltre 130 anni di presenza e predominio quasi incontrastato nel segmento delle bevande analcoliche, ora la multinazionale americana che, in base agli ultimi dati disponibili relativi al 2016, ha un fatturato vicino ai 42 miliardi di dollari, si appresterebbe a lanciare sul mercato la sua prima bevanda alcolica.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

A dare per primo la notizia, in ambito finanziario, è stato il quotidiano economico inglese Financial Times.

Dove verrà lanciata la nuova bevanda

Secondo quanto riferisce il quotidiano inglese, la bevanda, ancora in fase di sperimentazione, sarebbe stata studiata principalmente per fare breccia nel mercato asiatico e in particolare giapponese.

Sarebbe, infatti, una miscela di acqua gassata aromatizzata a cui verrebbe aggiunto dello Sochu. Quest'ultimo è una sostanza alcolica che viene estratta da riso, patate dolci e orzo caratteristica dell'isola di Kyushu, ma diffusa in tutto il Giappone. La miscela è conosciuta con il nome di Chu - Hi. In effetti, la nuova bevanda in preparazione rappresenta solo l'ultimo tentativo di diversificazione della propria offerta [VIDEO] commerciale da parte di Coca Cola nella terra del Sol Levante. Precedentemente erano state introdotte diverse versioni particolari della classica bevanda, come, ad esempio, quella aromatizzata al tè verde Ayataka.

Le motivazioni della scelta commerciale

Come ha voluto precisare il Presidente della filiale giapponese della Coca Cola Company, Jorge Garduno, rilasciando un intervista via web, non si intende assolutamente snaturare il marchio Coca Cola che, a livello mondiale, viene riconosciuto e associato alle bevande analcoliche.

La nuova bevanda, molto probabilmente, resterà circoscritta ai confini nipponici, anche perché si inserisce nel solco delle tradizionali bevande alcoliche giapponesi. Comunque, come fa capire Garduno, si tratta di un'opportunità per esplorare un terreno, quello delle bevande alcoliche, finora sconosciuto. Anche se questa particolare bevanda, continua, rappresenta un test per una fetta specifica del mercato di riferimento di Coca Cola. E chissà se, in futuro, non ci saranno altri test simili a questo in altri Paesi? Ormai la via sembra essere aperta.