Dopo 17 ore di negoziato all'Eurosummit, con un consenso unanime, è stato approvato il terzo piano di aiuti a favore della Grecia evitando la tanto temuta Grexit. La notizia è partita da un brevissimo tweet del ministro belga Charles Michel "agreement" (accordo) e subito dopo confermata dal presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk. "Accordo raggiunto all'unanimità" - Commenta Tusk - "Siamo pronti ad avviare un programma di supporto finanziario".

Soddisfatti del risultato anche tutti gli altri protagonisti dell'incontro: la cancelliera tedesca Angela Merkel ha commentato "Sulla Grecia è stato approvato il piano A.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Lega Nord

Non è necessario presentare un piano B".

Il premier greco Alexis Tsipras ha sottolineato quanto sia stata difficile la battaglia affrontata: "Non credo sia un accordo umiliante per i greci" - ha commentato il premier.

La volontà di mantenere l'unione ha però prevalso sugli ostacoli con un accordo che non prevede il taglio del debito, ma un piano di salvataggio di circa 82-86 miliardi di euro.

Le condizioni da seguire sono, però, piuttosto severe. I ministri delle finanze adesso dovranno decidere con urgenza sul prestito ponte da effettuare per far fronte ai bisogni finanziari impellenti della Grecia: circa 7 miliardi entro il 20 luglio per i debiti a favore del Fondo monetario internazionale e circa 3,5 miliardi da rimborsare alla Bce.

"Un accordo importante è stato raggiunto stanotte che non sembrava affatto scontato" -commenta il premier italiano Renzi - "abbiamo sfiorato la Grexit, ma l'Italia ha combattuto per evitarla. Questa sarebbe stata una umiliazione".

Per poter godere nuovamente della fiducia minata dopo il referendum, l'Eurozona ha chiesto ad Atene di approvare, entro mercoledì, alcune riforme riguardanti le pensioni, l'adozione del Codice di Procedura Civile, l'Iva e le direttive sul salvataggio delle banche.

I migliori video del giorno

La Merkel ha, infine dichiarato impossibile un "haircut" sul valore nominale del debito, ma si discuterà in seguito su possibili prolungamenti delle scadenze, a patto che l'attuazione del programma risulti positiva.