Si chiama WiFI4EU l’iniziativa promossa dalla commissione europea per promuovere l’installazione di wifi negli spazi pubblici della città. Sono 120 milioni di euro le risorse messe a disposizione nel periodo 2017/2019 per favorire il raggiungimento dell’ambizioso obiettivo di dotare, entro il 2020, tutte le città ed i paesi europei di almeno un punto di accesso gratuito a internet in spazi ad uso della collettività. L'iniziative risponde all'esigenza di avere internet libero e gratuito.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale FIAT

Come si partecipa

Qualche giorno fa è stato varato nella rete il sito www. wifi4eu.eu/#/home sul quale i comuni possono registrare il proprio ente. Ad oggi, a solo pochi giorni dal lancio, sono già 6230 i comuni europei registrati.

Effettuata la registrazione, occorre attendere la pubblicazione del primo bando che avverrà il 15 maggio prossimo. Il criterio di assegnazione è quello classico “a sportello”. Chi arriva prima, sarà premiato. Con la prima call la Commissione assegnerà i contributi ad un primo gruppo di mille comuni. In ogni caso, la Commissione Europea [VIDEO], in fase di assegnazione dei contributi terrà in conto il principio della territorialità assicurando che ogni stato dell’Unione riceva almeno 15 bonus.

La richiesta di contributo prevede in sintesi tre fasi:

  • Fase I registrazione dei Comuni nel portale www.WiFi4EU.eu

  • fase II: ad avvenuta pubblicazione del bando i comuni registrati potranno presentare domanda per l'assegnazione del primo lotto di contributi a circa 1000 comuni

  • fase III assegnazione dei contributi nel rispetto del principio "primo arrivato, primo servito" e garantendo l'equilibrio geografico. Ciascun paese partecipante riceverà almeno 15 buoni.

Cosa finanzia il bando

Ai Comuni individuati come beneficiari dei contributi sarà assegnato un bonus di 15mila euro da utilizzare per l’installazione di punti di accesso wifi gratuito presso luoghi pubblici quali parchi, musei, biblioteche ecc.

Il contributo coprirà tutte le spese di acquisto e posa in opera delle attrezzature necessarie mentre le spese di connettività e manutenzione resteranno in capo agli enti locali beneficiari. Tutte le reti finanziate da WiFi4EU saranno gratuite, prive di pubblicità e senza raccolta di dati personali. Entro il 2019 saranno pubblicati almeno 3 bandi.

I Comuni che beneficeranno del bonus si impegneranno a completare l'installazione e l'attivazione dell'hotspot entro 1,5 anni dall'assegnazione.