E' in arrivo il nuovo 'esercito', non militare ma civile, istituito dal Governo Renzi, una novità che non mancherà di sollevare un polverone di polemiche per i contenuti della legge delega che sta per essere varata: già da questa settimana, infatti, Palazzo Chigi dovrebbe occuparsi di ratificare questo provvedimento che consentirà a 100mila volontari di essere assunti con un impiego, a tutti gli effetti, da considerarsi statale. In che cosa consisterà il nuovo 'servizio civile' del governo Renzi?



I 100mila volontari che verranno reclutati dallo Stato italiano dovranno lavorare per la protezione civile, per l'ambiente, per la conservazione del patrimonio artistico e culturale e per l'assistenza.

Pubblicità
Pubblicità

Inizialmente, è stato previsto un 'reclutamento' di 37mila giovani (selezione prevista per il prossimo mese di ottobre) a cui se ne aggiungeranno altri 63mila che andranno a completare il numero previsto dal provvedimento del governo Renzi. Di fronte ad un'iniziativa così eclatante, era inevitabile che partissero le prime critiche e le prime polemiche. 



Governo Renzi, servizio civile, ci sono le risorse finanziarie?

Si tratterà di un lavoro di probabili 30 ore, in cambio del quale i volontari riceveranno 433 euro, per un totale, quindi, di circa 6mila euro l’anno, che non sono affatto da buttare via.

Il problema è sempre il solito, però: le risorse finanziarie per coprire tale spesa saranno garantite? Il governo Renzi dice di sì visto che nelle casse dello Stato dovrebbero essere già 'conservati' 125 milioni proprio destinati al servizio civile a cui si potrebbero aggiungere altri 55 milioni sovvenzionati dalle Regioni. Teniamo presente, però, che se moltiplichiamo 6.000 euro per i 100mila volontari arriviamo alla cifra di 600 milioni, decisamente più alta rispetto al 'tesoretto' attualmente a disposizione.

Pubblicità



Governo Renzi, servizio civile, invasione di immigrati dall'Africa?

Per il servizio civile non sarà richiesto nessun titolo di studio, basterà rientrare nella fascia di età prevista, ovvero quella dai 18 ai 28 anni. In più, il governo Renzi estenderà la possibilità di fare domanda anche agli immigrati: 'una cosa che vogliamo fare è aprirlo agli stranieri regolarmente soggiornanti nel nostro Paese', ha dichiarato Luigi Bobba, sottosegretario al Lavoro. 

Ecco un'altra polemica che non mancherà di incendiare il dibattito in Rete.

Oltre agli immigrati già sbarcati in Italia negli ultimi mesi, si teme una vera e propria invasione, visto che l'iniziativa invoglierà migliaia e migliaia di africani a migrare verso il nostro Paese. Insomma, prepariamoci al caos e ai litigi. 

Leggi tutto