docenti delle scuole di ogni ordine e grado dovranno fare in fretta per compilare la domanda di utilizzazione assegnazione provvisoria: infatti, il ritardo nell'approvazione del contratto di mobilità annuale sta causando non pochi problemi.

Come forse saprete, dall'anno 2009 è necessario il benestare del dipartimento della funzione pubblica, nonchè quello del ministero dell'economia, all'ipotesi di accordo che viene presentata dal Ministero dell'Istruzione. In ogni caso, l'amministrazione, in attesa che giunga il 'sì' dagli organi competenti, ha deciso ugualmente di dare il via all'inoltro delle domande che dovranno essere inviate secondo tali modalità.

Pubblicità



Miur, scuola, domanda di utilizzazione assegnazione provvisoria, le scadenze fissate

La nota n. 6870 del Miur, pubblicata in data 7 luglio, ha disposto che i docenti delle scuole di ogni ordine e grado dovranno inviare le proprie domande entro questo mese di luglio, proprio per evitare disagi in vista dell'inizio del nuovo anno scolastico

I primi ad essere chiamati a tale adempimento saranno i docenti delle scuole dell'infanzia e delle scuole primarie che avranno a loro disposizione undici giorni di tempo: le domande, che andranno presentate esclusivamente per via telematica attraverso il sito Miur nella sezione dedicata denominata 'Istanze on line', dovranno essere inviate da venerdì 11 a lunedì 21 luglio.  
I docenti delle scuole medie di primo e secondo grado, invece, saranno chiamati a tale adempimento da giovedì 24 a mercoledì 30 luglio: anche per loro vale l'unicità della presentazione delle istanze attraverso il web. 


Per quanto riguarda gli educatori e gli insegnanti di religione cattolica, la scadenza è prevista per venerdì 25 luglio, mentre ci sarà più tempo per il personale Ata che potranno inviare le proprie domande entro il 12 di agosto. 

Le istanze del personale Ata, del personale educativo e degli insegnanti di religione cattolica dovranno essere presentate su modelli cartacei e dovranno essere indirizzate all'ufficio territorialmente competente (ust) della provincia di titolarità per il tramite del dirigente scolastico dell'istituto di servizio.