Non è passato l'ennesimo emendamento studiato per sbloccare la situazione di disagio dei lavoratori Quota 96, che continuano a sentirsi discriminati rispetto agli altri lavoratori pubblici e privati. Capire i motivi che animano le proteste degli insegnanti e dei dipendenti ATA non è difficile: stiamo parlando di persone che ad oggi dovevano già essere in pensione, con il raggiungimento dei seguenti parametri:

  • 35 anni di versamenti Inps e 61 anni anagrafici;
  • 36 anni di versamenti Inps e 60 anni anagrafici.

Dalla sommatoria delle due misure troviamo la tanto discussa quota 96.

Ciò che sorprende maggiormente, è che chi doveva accedere all'Inps seguendo tale formula nell'ormai lontano anno 2011,è rimasto bloccato in una sorta di limbo lavorativo perché la legge n. 114/11 non ha tenuto presente la differenza tra anno solare e anno scolastico, ovvero ha dimenticato di considerare che i professori e i lavoratori dell'istruzione organizzano la propria attività su quella degli studenti, dal settembre di un determinato anno fino allo stesso mese dell'anno successivo.

Quota 96 e pensione saltata: il punto della situazione.

Soluzione nel 2015?

Se quanto raccontato fino ad ora può sembrare già abbastanza paradossale, bisogna sottolineare come il tentativo di sanare il problema non solo è rimasto tutt'ora disatteso, ma è passato anche per una serie notevole di annunci e dietrofront. A creare difficoltà, secondo i decisori pubblici, non sarebbe certamente stata la mancanza di volontà politica nel porre fine al problema, quanto la grave situazione dei conti pubblici contro cui l'Italia si è dovuta continuamente confrontare.

Il ritorno in recessione è l'ennesima conferma di un Paese che non sembra trovare forze sufficienti per risollevarsi, portando così nel baratro della crisi non solo i meccanismi tipici dell'economia, ma anche i diritti dei lavoratori e dei futuri pensionati. Una situazione che risulta particolarmente frustrate per soggetti come i Quota 96, che non vogliono sentire parlare di pensione anticipata o di sanatoria al ribasso, proprio perché il diritto ad ottenere l'accesso all'Inps risulterebbe già maturato ormai da lungo tempo.

Come sempre, restiamo a disposizione per coloro che vogliano esprimere la propria opinione attraverso i commenti del sito. Se invece desiderate restare aggiornati sulle ultime novità in fatto di previdenza, potete utilizzare il pulsante "segui" disponibile in alto.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!