Manifestazione sindacale nazionale organizzata dalla Cisl per oggi 2 dicembre a Firenze, per il 3 a Napoli e per il 4 a Milano. Lo sciopero di ieri ha riguardato il settore del pubblico impiego coinvolgendo scuole, sanità, amministrazione comunale, provinciale e regionale. Settimana scorsa sciopero a Cagliari e a Palermo. E la mobilitazione non si ferma, nei prossimi giorni infatti sono previsti ulteriori scioperi e comizi, incontri con la popolazione e delegazioni inviate al governo.
Intanto con lo slogan #nonrinunciomarilancio, la Cisl ha organizzato tre manifestazioni in tre città d'Italia per portare avanti le proprie proposte, come per esempio la richiesta di estendere anche alle Pensioni il bonus di 80 euro che spetta ad alcuni lavoratori.
- Firenze. Oggi la manifestazione a Firenze - alla stazione Leopolda - si rivolge ai cittadini del centro Italia. Si tratta di un incontro aperto a tutti per ascoltare le proposte della Cisl e per ricevere testimonianze e proteste da parte dei disoccupati, dei dipendenti pubblici e privati, dei precari, dei pensionati, degli studenti.
- Napoli. Per mercoledì 3 dicembre è prevista invece una mattinata dedicata ai cittadini delle regioni meridionali. Nella città di Napoli, precisamente al Teatro Palapartenope, sarà offerta una occasione di confronto per parlare della crisi e delle idee per superarla.
- Milano. Infine giovedì 4 dicembre al Carroponte di Sesto San Giovanni, presso Milano, il sindacato accoglierà la gente del nord Italia.
Il 1° dicembre è stato organizzato un presidio davanti a Montecitorio dove Annamaria Furlan ha parlato della necessità del rinnovo del contratto per il pubblico impiego, con la richiesta di un confronto col governo, lanciando la proposta di destinare al rinnovo del contratto i soldi ricavati dalla "lotta all'evasione e alla corruzione e dai tagli agli sprechi nella P.A". Come le altre sigle sindacali, la Cisl mette sul tavolo alcuni suggerimenti utili allo sviluppo dell'Italia e quindi parla di investimenti nella scuola, nella crescita, nella ricerca.
Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!