Il prossimo 5 maggio si svolgerà a Roma lo sciopero generale contro 'La Buona Scuola', progetto del governo Renzi che dovrebbe cambiare radicalmente il mondo della scuola. Alla manifestazione parteciperanno anche i docenti delle seconde fasce abilitati grazie al Tirocinio Formativo Attivo (TFA). La notizia pubblicata sul sito pensionioggi.it, mette in evidenza che diverse associazioni di insegnanti precari si organizzeranno per fare sentire la loro voce; essi chiedono che il piano di assunzioni al vaglio del Parlamento tenga presente, oltre che degli insegnanti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento, anche dei docenti cosiddetti 'tieffini'.

Raccolta firme per una petizione che verrà inviata al Presidente della Repubblica

Oltre alla mobilitazione per lo sciopero del 5 maggio, si stanno raccogliendo le firme per una petizione che verrà inviata direttamente al Presidente della Repubblica, al premier Renzi e al ministro dell'Istruzione. Alessandra Operamolla, docente e ricercatrice della Facoltà di Chimica dell'Università di Bari, evidenzia che 'prima del 2008, l'abilitazione all'insegnamento si conseguiva tramite la cosiddetta Ssis; la prova finale di questa abilitazione aveva valore concorsuale. Successivamente, è arrivato il Tfa, una selezione che veniva effettuata in funzione dei posti disponibili. Poi è entrato in vigore il Pas, un percorso che abilitava i docenti che avevano 36 mesi di servizio, senza alcuna selezione.

In questo modo si sono create rivalità tra i vari tipi di abilitati. In ogni caso, tutti i professori precari abilitati, ogni anno il 30 giugno, vengono licenziati'.

Alessandra Operamolla: 'Forte discriminazione tra i docenti precari'

Il provvedimento 'La Buona Scuola' ha molte criticità, secondo quanto riportato dal sito pensionioggi.it ed evidenziato da Operamolla: 'Esiste una forte discriminazione tra i docenti precari con quella proposta assurda di eliminare le supplenze.

Ricordo che una norma mette in evidenza che i contratti a tempo determinato non devono superare i 36 mesi'. Vedremo nei prossimi giorni cosa accadrà anche a seguito della manifestazione nazionale che si terrà il prossimo mese.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!