Il Ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, è alle prese col la Riforma della Pubblica Amministrazione. Inserita nel pacchetto della spending review, da ieri è approdata in Parlamento ed ha cominciato il suo iter. E' al varo infatti un pacchetto di dieci emendamenti che saranno parte integrante del decreto così come li sta illustrando il relatore e firmatario del ddl Ernesto Carbone. Si tratta di emendamenti che interessano l'Università, la Motorizzazione, le Forze dell'ordine, il Corpo Forestale dello stato e la Capitaneria di Porto.

Pubblicità

Perchè la riforma:

Come ogni riforma dei Governi, ma soprattutto questo di Renzi, il motto è semplificare e risparmiare. Rendere fluido e ridurre i costi di un comparto, la Pubblica Amministrazione,troppo importante per l'economia dello Strato per lasciarlo a regole, leggi e normative troppo obsolete, almeno questo è il pensiero dei promotori.

Università:

Si sta straparlando della possibilità di dare valore oltre che al voto di laurea, anche all'Ateneo di provenienza. Su questo punto, alla luce delle furiose polemiche circa la discriminazione tra Atenei e tra nord e sud, il Ministro Madia ha già fatto sapere che è disposta a fare un passo indietro ed a rivedere le regole dell'emendamento, pronta ad ascoltare punti di vista per migliorarlo.

Forze dell'Ordine:

Si pensa seriamente a rivoluzionare l'universo delle Forze di Polizia con la soppressione di Gradi e ruoli. Si tratterebbe poi, di rivedere tutto il piano delle carriere, degli aumenti di stipendio, degli scatti di anzianità e così via. Una vera rivoluzione per Carabinieri, Polizia e tutte le Forze dell'Ordine in un momento in cui queste sono super impegnate per motivi di sicurezza tra questione immigrati e minacce terroristiche.

Corpo Forestale:

Soppressione del Corpo Forestale dello Stato e successivo suo accorpamento nei carabinieri o nella polizia. Si lascerebbe facoltà di scelta ad un contingente dei Forestali, che potrebbe essere inglobato dai Vigili del Fuoco.

Pubblicità

La Capitaneria di Porto:

Oggi la Capitaneria ha un proprio organigramma, un proprio Comando. Tra gli emendamenti presenti nel pacchetto c'è la soppressione del Comando che passerebbe sotto quello della Marina Militare che diventerebbe l'unico.

Trasporti, PRA e Motorizzazione:

Anche il Pubblico Registro Automobilistico dovrebbe essere soppresso. Si pensa di far confluire l'attuale PRA presoo il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture che già ha in organico la Motorizzazione Civile.

In pratica si va verso una banca dati unica di tutti i veicoli a motore circolanti così da avere un unico libretto di circolazione.