La riforma del sistema previdenziale italiano è uno degli obiettivi del governo, guidato dal premier Matteo Renzi. Sono ormai diversi mesi che si discute su come modificare le norme pensionistiche attraverso uno o più sistemi che portino ad un abbassamento dell'età pensionabile. Il tutto per giungere a quel ricambio generazionale auspicato da forze politiche e sindacali, così come riportato sul sito investireoggi.it

Abbandonato il sistema Quota 100, perchè giudicato troppo costoso

Tra le varie argomentazioni trattate, e che riprenderanno subito dopo la pausa estiva, c'è la cosiddetta Opzione Donna e l'assegno universale per gli over 55.

Pubblicità
Pubblicità

Abbandonato, nell'ultimo periodo, perchè giudicato troppo costoso,il sistema flessibile che tenga conto della cosiddetta Quota 100, valore da raggiungere come somma tra età anagrafica e versamenti contributivi. Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, è a stretto contatto con i tecnici dell'Inps, per cercare di capire quale potrebbe essere l'impatto economico a seguito dell'applicazione di uno di questi sistemi di uscita anticipata dal lavoro.

Il premier italiano, Matteo Renzi
Il premier italiano, Matteo Renzi

Si aspetta la riunione del 9 settembre per poter approvare la proroga Opzione Donna

Intanto, il prossimo 9 settembre è prevista una riunione tra i rappresentanti dei ministeri dell'Economia e del Lavoro e dell'Inps, per mettere in pratica quanto già discusso nei giorni scorsi, cioè l'approvazione della proroga del sistema contributivo donna al 31 dicembre 2015 e l'approvazione della settima salvaguardia per i circa 26mila esodati ancora presenti in Italia.

Pubblicità

Più semplice, invece, appare l'applicazione dell'assegno universale per gli over 55, che si trovano senza lavoro e senza pensione, e che versano in condizioni di disagio economico. Il Movimento 5 Stelle sta portando avanti una battaglia che vorrebbe allargare questo contributo economico a tutti i lavoratori, senza distinzioni.

Tutti argomenti che dovranno essere affrontati nel mese di settembre. Il governo Renzi dovrà, a questo punto, cercare di capire cosa pensa l'Unione Europea, di tutte queste proposte e se ci sono le condizioni economiche per poter arrivare ad una modifica del sistema pensionistico italiano, da poter inserire nella Legge Finanziaria 2016.

Clicca per leggere la news e guarda il video