La presa di posizione del Ministero dell'Economia riguardo la settima salvaguardia in favore degli esodati è da considerare come non qualificabile: si tratta dell'opinione espressa dal leader dell'Ugl Francesco Paolo Capone, che ha puntato il dito contro il mancato via libera all'operazione di tutela dei lavoratori. "Fino a quando non si daranno risposte certe e positive a tutti coloro che sono stati scippati nei diritti previdenziali, l'Ugl continuerà a mobilitarsi" ha spiegato il sindacalista.

"Il quindici settembre anche la nostra organizzazione protesterà davanti al Mef, unitamentealle altresigle sindacali confederali e ai comitati degli esodati". Capone ha concluso le proprie dichiarazioni spiegando che è urgente intervenire perché lo stallo venutosi a creare in settimana rischia di gettare nello sconforto migliaia di persone, dopo che quattro anni fa la riforma Fornero li ha lasciati senza stipendio e contemporaneamente senza possibilità di accedere alle tutele previdenziali offerte dall'Inps.

Pensioni, mobilitazione del 15 settembre: nuovo comunicato congiunto anche da Cgil, Cisl e Uil

Nel corso della giornata di ieri è arrivato anche un comunicato di confermaalla partecipazione congiunta delle altre tre sigle sindacali (Cgil, Cisl e Uil) alla giornata di protesta indetta per il prossimo 15/09/2015. La mobilitazione si terrà a partire dalle dieci di mattina presso Via XX settembre, ovvero in fronte alla sede del Ministero dell'Economia e delle finanze.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

La protesta servirà a ribadire la necessità di giungere al rispetto della legge 228/2012, riguardante l'istituzione di un fondo in favore dei lavoratori esodati. Le parti sociali chiedono il rispetto dello scopo con il quale si è dato vita al fondo, destinando così le risorse già accantonate e non ancora utilizzate in favore della settima salvaguardia e dei lavoratori rimasti bloccati incolpevolmente fuori dall'Inps a causa dell'irrigidimento nei requisiti d'accesso.

E voi, cosa pensate delle nuove iniziative di protesta annunciate dai sindacati in merito alla vicenda? Se lo desiderate, potete farci conoscere la vostra opinione aggiungendo un nuovo commento all'articolo. Se invece desiderate restare aggiornati su tutte le nuove notizie sulle pensioni vi ricordiamo di cliccare il comodo tasto "segui" che trovate in alto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto