Dalla mancata riforma Pensioni alle ipotesi di adozioni gay, Matteo Salvini infuriato contro il Governo Renzi. "Si dice - ha detto il leader della Lega Nord - che non ci sono i soldi per cambiare la legge Fornero che danneggia soprattutto - ha sottolineato - le donne che vanno in pensione a 66 anni. Ma si trovano i soldi - ha aggiunto il segretario del Carroccio - per pagare le pensioni di reversibilità alle coppie gay". Il riferimento è al ddl Cirinnà sulle coppie di fatto e le unioni civili che approda oggi in aula al Senato.

Pensioni, la Lega contro la Fornero: danneggia soprattutto le donne

"Mi sembra chiaro - ha proseguito Salvini - che qua c'è qualcuno che sta prendendo in giro gli italiani". Sulla riforma pensioni la Lega - che è da tempo ormai che si batte per l'abolizione della legge Fornero e che ha ancora il dente avvelenato per il no della Consulta al referendum abrogativo - spera in uno scatto d'orgoglio de Parlamento e chiede al presidente della commissione Lavoro Cesare Damiano di dare priorità all'esame dei ddl per la pensione anticipata già incardinati, dal ddl sul prepensionamento a Quota 100 a quello per l'uscita dal lavoro a 62 anni con 35 anni di contributi e il 2% di penalità sull'assegno.

Ddl Cirinna e pensioni di reversibilità, Salvini all'attacco del Governo

Sulle unioni civili e le coppie di fatto è ancora scontro, non solo sulle estensioni della pensione di reversibilità alle coppie omosessuali ma anche sulle adozioni. "Quando solo lontanamente si parla di adozioni gay - ha detto oggi Matteo Salvini intervenendo su Canale 5 a 'La Telefonata' di Maurizio Belpietro - io faccio le barricate".

Di pensioni e immigrazione parla oggi anche il governatore del Veneto Luca Zaia, contestando il costo di ogni rifugiato e richiedente asilo politico accolto in Italia. "Un insulto - ha detto - ai tanti italiani e agli anziani con pensioni da fame ridotti in povertà dalla crisi che 35 euro al giorno per almeno due anni - ha sottolineato Zaia - se li sognano".

Legge di Stabilità, la minoranza del Partito democratico contro il piano Renzi

Sulle pensioni si stanno abbattendo in queste ore sul governo le critiche delle organizzazioni sindacali, dei partiti dell'opposizione e anche di alcune componenti della maggioranza, dal Nuovo centrodestra di Angelino Alfano alla minoranza Pd rappresentata a vario titolo da Pierluigi Bersani e Gianni Cuperlo che potrebbero chiedere modifiche in sede parlamentare alla manovra di bilancio, come sembrano preannunciare le dichiarazioni di Cesare Damiano e Alfredo D'Attorre. Nel frattempo continuano le iniziative di protesta dei sindacati.

"La Cisl - ha dichiarato il segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, a margine dei presidi unitari - auspica che il disegno di legge sulla stabilità per il 2016 preveda una soluzione che reintroduca la flessibilità nell'accesso al pensionamento".

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!