Si è tenuto nella giornata di ieri il convegno, organizzato dal M5S, dal nome fortemente indicativo di 'Seconda Fascia: #RipartiamoDaQui': l'intento di questo incontro era quello di riuscire a compattare tutte le categorie escluse dal piano assunzioni e mettere insieme una piattaforma comune di proposte e richieste. L'elemento fondamentale è stato quello di cercare il superamento tra le divisioni interne che attanagliano il corpo docenti e, in generale, la Scuola italiana: mai più conflitti e 'tensione' tra TFA e PAS, ad esempio, perché si è tutti sulla stessa barca e soltanto con l'impegno di tutti è possibile far saltare la logica di potere che divide il fronte per 'dominare' con più efficacia.

Si è parlato anche e soprattutto del concorso scuola 2015-2016, il cui bando è stato per il momento rinviato, e di una richiesta specifica: se le assunzioni si aprissero per coloro che si trovano in II Fascia delle GI (diplomati magistrali, PAS, TFA e SFP), allora il concorso potrebbe essere rivolto ai non-abilitati o semplici laureati.

L'incontro #RipartiamoDaQui e le proposte su GI e concorso scuola 2015-2016

Ad organizzare il convegno 'Seconda Fascia: #RipartiamoDaQui' è stata la parlamentare del M5S, Silvia Chimienti e, secondo gli organizzatori, si è trattato di un primo momento importante di incontro che potrebbe avere importanti risultati concreti sul futuro della classe docente precaria del paese.

Le proposte che sono venute fuori riguardano tutte le categorie di precari e rappresenta un primo tentativo di risoluzione di tutta una serie di contraddizioni:

  • in primo luogo, il concorso scuola 2015-2016: la richiesta è molto semplice, il bando dovrebbe essere per coloro che si trovano in III Fascia GI (i non-abilitati) e le assunzioni, a partire dal 2016, dovrebbero prevedere un doppio canale: dalla II Fascia delle GI e dalle GM del concorso;
  • in secondo luogo, è stata lanciata la proposta di una Fase D del piano straordinario di assunzioni per permettere la copertura dei circa 8mila posti rimasti senza docenti delle GaE da assumere: su questo punto, la Chimienti del M5S ha proposto un emendamento alla legge di stabilità 2016;
  • infine, la costituzione di un coordinamento nazionale dei precari che, senza divisioni di sorta (come la contrapposizione tra TFA e PAS) possa divenire un'organizzazione vasta e che possa incidere sulle decisioni del legislatore: la chiamata è per tutti, le associazioni di docenti, i gruppi Facebook e i sindacati che, nella giornata di ieri, erano stati presenti.

I ritardi nella pubblicazione del bando da parte del Miur riguardano non soltanto le questioni 'tecniche' connesse alla riforma delle classi di concorso, ma anche e soprattutto la complessità di una situazione che può produrre innumerevoli ricorsi fino a rischiare di bloccare le procedure stesse del concorso scuola 2015-2016.

Per approfondimenti e notizie, cliccate su 'Segui' in alto sopra l'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!