Tra le norme previdenziali della Riforma Fornero figura anche una deroga alla Legge Amato che prevede la possibilità per alcuni soggetti di andare in pensione consoli 15 anni di contributi. Chi può beneficiare di tale norma e quali sono i requisiti richiesti?

Requisiti pensione con 15 anni di contributi

Per poter andare in pensione con 15 anni di contribuzione in primo luogo si deve esseredipendenti del settore privato, infatti, l’Inpdap ha escluso che tale norma possa essere applicata ai dipendenti pubblici.

Inoltre, è necessario aver accumulato 15 anni di contributi ma, nel contempo, un’anzianità contributiva di 25 anni.

I due requisiti sembrano l'uno escludere l'altro, invece non è così. Riguardo ai 15 anni di contributi, va precisato che il requisito si riferiscealle settimane di contribuzione versate, cioe ai soli contributi da lavoro dipendente effettivamente accreditati, mentrel’anzianità contributiva, o meglio assicurativa, va fatta risalire al versamento del primo contributo previdenziale che può essere stato fatto anche presso un Paese estero che abbia sottoscritto con con l’Italia una convenzione in tema previdenziale.

Lavoro part time tutelato

A ciò va ad aggiungersi un ulteriore requisito: avere almeno 10 anni non lavorati per intero. Nel settore privato, tale norma è una cosa ben distinta e separata dal servizio, nello stesso anno, di 52 settimane accreditate. Questo, per dare modo anche a chi, ad esempio, ha lavorato per un anno ma non ha tutte le 52 settimane in estratto conto perché aveva un contratto part-time inferiore alle 24 ore.

In questi casi l'anno di lavoro verrà comunque considerato, indipendentemente dagli accrediti contributivi, mentre non saranno considerati gli accrediti da contribuzione da disoccupazione.

Una casistica complessa questa prevista nel dl. 20/2011 della manovra Salva Italia in deroga alla Legge Amato che pare essere molto frequente. In tema di Pensioni ci sono anche queste tipologie previdenziali particolarmente articolate, il tema è comunque oggetto continuo di studio e di modifiche, perché diventa spesso la fonte a cui rivolgersi (insieme al pubblico impiego), per trovare coperture a guai finanziari dell'ultima ora.

Per tenersi aggiornati in tema di lavoro, tasse e pensioni cliccare sul tasto segui a fianco al nome di chi ha scritto l'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!