Tutto quello che ruota intorno al concorso docenti 2016 genera continue discussioni e polemiche. Nato sotto la cattiva stella dello slittamento della data per la pubblicazione dei bandi, questo concorso non conosce un momento di tregua. Da chi lo dà prossimo all'annullamento passando per i ricordi di oltre 50 mila docenti - solo per fare riferimento a due delle maggiori problematiche legate a doppio filo al concorso docenti 2016.

L'ultima, in ordine di tempo, è quella legata alla penuria di docenti disposti a fare parte delle Commissioni esaminatrici per il concorso docenti 2016. Solidarietàverso i colleghi ed avversione per la disparità di trattamento verso i non abilitati, forse, ma in molti imputato motivi più profondi. Anche il premier Renzi, pare, essere dello stesso avviso.

Concorso: mancanza docenti dovuta allo scarno compenso?

Il Miur lamenta difficoltà nel riuscire a trovare docenti di ruolo volenterosi di fare parte delle Commissioni esaminatrici per il concorso Scuola 2016.

Ultimo di un lungo elenco di problemi presentatesi con il concorso scuola 2016, è da imputarein un'unica motivazione. In molti adducono questalatitanza ad un tacito patto tra colleghi, in realtà la motivazione può aver riscontro nel giusto compenso economico. Il motivo della debole risposta alla chiamata del Miur è da ricercare nel compenso offerto. A chi ricoprirà il ruolo di presidente della Commissione vengo offerti 251 euro, mentre agli altri componenti viene garantito un compenso di 209,24 euro.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Per ogni candidato esaminato sono erogati 0,50 centesimi di euro in qualità di compenso aggiuntivo. In molti lo hanno definito un compenso irrisorio e lesivo della dignità e della professionalità dei docenti. Anche Renzisi è espresso sull'annosa questione: il premier ha ammesso che il compenso offerto ai docenti di ruolo è assolutamente basso. È necessario tenere conto di un secondo punto: i docenti dovranno lavorare a ritmi serrati per garantire il rispetto dei tempi stabiliti per le assunzioni.

Le immissioni in ruolo dovranno avere luogo in agosto, ma se i ritardi nel trovare docenti disponibili a vagliare i candidati del concorso scuola 2016 dovessero persistere è possibile incorrere in tempistiche diverse.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto