Non mancheranno di destare polemiche le dichiarazioni rilasciate dal Ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, riguardanti l'approvazione del Decreto Scuola e Ricerca, approvato nella giornata di ieri, mercoledì 25 maggio, alla Camera dei Deputati. 

Ultime news scuola, giovedì 26 maggio 2016: Giannini 'Aggiunti nuovi tasselli alla Buona Scuola'

'Aggiungiamo ulteriori tasselli alla Buona Scuola - ha commentato la responsabile del Miur - e all'azione del nostro governo riguardo al tema dell'Istruzione'.

Pubblicità

Naturalmente, non poteva mancare l'elenco dei provvedimenti deliberati dal governo come, ad esempio, quello sulle modalità di pagamento delle supplenze 'reso più efficiente e certo': aggettivi, quelli spesi dall'onorevole, che risultano indubbiamente poco consoni all'argomento, soprattutto quando si parla di stipendi, specie se erogati dallo Stato e ancor di più se i beneficiari di tali retribuzioni sono costretti, spesso, a fare i conti fino all'ultimo centesimo per riuscire ad arrivare a fine mese (e in diversi casi il denaro non basta per coprire tutte le spese).I soldi, quelli che, come consuetudine, il ministro Giannini 'snocciola' davanti ai microfoni riguardano i 12 milioni all'anno che finiranno alle scuole paritarie per sostenere gli alunni con disabilità e i 64 milioni che sono stati stanziati per gli interventi relativi al programma #scuolebelle.

Bonus cultura ai giovani diciottenni: c'è chi parla di manovra politica in vista delle amministrative

Il numero uno del Miur non ha dimenticato neppure il bonus cultura da 500 euro, definito come 'un altro segnale importante' dato dal governo, soprattutto se si tiene conto della decisione di estendere la concessione del bonus anche ai giovani diciottenni con cittadinanza extra Unione Europea.

Un provvedimento, quest'ultimo, accolto però maliziosamente dalle forze politiche dell'opposizione ed interpretato, invece, come un tentativo del governo di 'arruffianarsi' i giovani elettori che andranno per la prima volta alle urne, domenica 5 giugno, in occasione delle elezioni amministrative.

Pubblicità

'Continua il nostro percorso - ha concluso il ministro Giannini - per migliorare la qualità della vita scolastica'.