A undici anni offriva sesso a pagamento sui social network. La notizia choc è stata pubblicata dal 'Giornale di Vicenza' che ha raccontato l'assurda vicenda di una ragazzina che frequenta la prima media in una Scuola dell'Alto Vicentino. La giovanissima pubblicizzava l'opportunità di incontri sessuali a pagamento attraverso un gruppo creato appositamente: una fitta rete di messaggi con lo scopo di concordare orari e 'prestazioni'.

Pubblicità
Pubblicità

Ultime news scuola, sabato 4 giugno 2016: undicenne offriva prestazioni sessuali a pagamento

Servizi sociali, forze dell'ordine e naturalmente la scuola stanno cercando di capire come sia stato possibile che una ragazzina di soli undici anni abbia potuto architettare un piano simile per offrire sesso a pagamento. Sono stati alcuni coetanei, evidentemente trovatisi a disagio da certe conversazioni apparse sul gruppo Whatsapp, a volerne parlare con gli insegnanti e il preside, con quest'ultimo che ha avvertito immediatamente le forze dell'ordine e i genitori.

Pubblicità

Polizia e carabinieri hanno avviato le indagini: coinvolte anche persone maggiorenni?

Il dirigente scolastico ritiene che sia quanto mai opportuno mantenere alto il livello di osservazione e di vigilanza, perchè spesso non ci si rende conto che i giovani d'oggi sono esposti a numerosissimi rischi come pericolosi incontri in Rete, facilitati dall'uso del proprio smartphone, e frequentazioni di ragazzi più grandi. 'Nessuna realtà deve considerarsi esente da questo tipo di problemi - ha dichiarato il preside - Mi sono sentito in dovere di condividere tutta la mia preoccupazione con i genitori, che si sono fatti carico del problema'.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Tra l'altro sono stati coinvolti, a questo proposito, anche gli assistenti sociali.

Gli inquirenti, intanto, stanno cercando di capire, attraverso le varie testimonianze, fino a dove si sia spinta la ragazzina e se nella vicenda possano essere coinvolti anche dei maggiorenni. Si è trattato solo di un gioco 'perverso ed assurdo' oppure dietro ci può essere qualcos'altro? In tal caso si prefigurerebbe l'ipotesi di reato di violenza sessuale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto