Che le professoresse possano essere discriminate dai dirigenti scolastici per gravidanze e figli durante le fasi della chiamata diretta 2016 lo ha detto lo stesso ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, dopo la segnalazione dei sindacati sulla nuova modalità di reperimento dei docenti per l'anno 2016/17. Si fa riferimento, in particolare, a casi nei quali i dirigenti scolastici abbiano postodomande alle professoresse inerenti ai figli o a possibili gravidanze, casi che il ministro ha definito gravi e non in linea con le finalità della chiamata diretta.

Chiamata diretta 2016, casi di discriminazione docenti per figli e gravidanze

Le competenze richieste per poter partecipare alla chiamata diretta, scrive nell'edizione odierna il quotidiano La Stampa, esulano dalla situazione familiare dei candidati. Proprio per questo, ha dichiarato la stessa Giannini, gli uffici scolastici regionali sono stati allertati per approfondire casi di discriminazione e di umiliazione delle docenti.Le stesse insegnantipotranno, in ogni modo, rivolgersi all'ufficio scolastico territoriale per poter segnalare eventuali casi.

I dirigenti scolastici, poi, saranno soggetti al nuovo meccanismo di valutazione che è stato approvato due mesi fa e che consentirà di poter eliminaretutte le possibili storture insite nei nuovi sistemi di reclutamento dei professori. I casi di discriminazione sono stati segnalati, nello specifico, nella regione Marche, secondo quanto hanno fatto sapere gli stessi sindacati.

Chiamata per competenze 2016 e curriculum

Le operazioni della chiamata diretta prevedono che i presidi possano iniziare a chiamare gli insegnanti già dal giorno successivo a quello nel quale lo stesso ha presentato il proprio curriculum tramite la sezione dedicata del sito del ministero dell'Istruzione. Pertanto, come riportano le Faq del ministero, nel momento in cui il docente risponde all'avviso di un preside, non dovrà mandare nuovamente il curriculum, anche se in buona parte degli avvisi è riportato espressamente questo adempimento.

Ed è proprio in corrispondenza di queste operazioni che il dirigente scolastico possa prendere informazioni aggiuntive rispetto a quanto riportato già nel curriculum, in particolare su figli e gravidanze delle candidate.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!