I 500 euro del bonus (da quest'anno 'carta docente') destinato all'auto-formazione dei docenti della Scuola, non erano una sovvenzione a vuoto. In realtà l'obiettivo era fornire un tassello in più per la valutazione dell'insegnante. In che modo? Nel Piano nazionale per la formazione, divenuta obbligatoria, viene inclusa anche la carta del docente. Il suo finanziamento è stato già stanziato con la legge di Stabilità. Sebbene ancora non sia chiaro come verranno assegnati questi soldi e soprattutto quando, si sa che il modo in cui ogni insegnante deciderà di spendere il bonus rappresenterà una forma di valutazione all'interno del suo portfolio professionale.

Card docenti da 500 euro: come influisce sul docente

Una delle novità del 2016/17 è che il nodo in cui si spende il cosiddetto bonus da 500 euro, rilasciato agli insegnanti per la propria auto-formazione, andrà a costituire una base per la valutazione della loro formazione. La legge prevede che le spese vengano tramutate in crediti formativi da inserire nel portfolio professionale del docente, facente parte integrante del suo piano di formazione personale. A fare la differenza potrebbe essere proprio il modo in cui tale risorse vengono utilizzate. Ma per cosa possono essere utilizzati questi soldi?

Per cosa utilizzare il bonus da 500 euro?

In un precedente articolo abbiamo già trattato nel dettaglio in che modo potrà essere utilizzato il bonus da 500 euro, atteso per il mese di ottobre sotto forma di card.

Tra le novità previste, vi è quella di utilizzarlo usufruendo degli accordi e delle convenzioni che il Miur intende sottoscrivere con operatori pubblici e privati. Questo tipo di spesa darà più crediti? Ancora non lo sappiamo, ma non è sa escludere. In alternativa, i soldi possono essere utilizzati come lo scorso anno, per acquistare biglietti per eventi culturali, teatrali o per il cinema, libri cartacei o digitali, corsi di formazione e aggiornamento, hardware e software.

Il denaro può essere utilizzato anche per iniziative coerenti con il Ptof e con il Piano nazionale di formazione.

Resta aggiornato sul bonus da 500 euro e sulle altre news dalla scuola, cliccando il tasto Segui.