Da pochi giorni è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, la nuova legge di Stabilità 2017. Nel ricco dossier ci sono tante novità per molti settori, soprattutto per quanto riguarda le Pensioni. Abbiamo già visto infatti le nuove modalità e i requisiti per richiedere la pensione anticipata nel prossimo anno, oltre a Ape, Quota 41 e lavori usuranti ci sono aggiornamenti anche per quanto riguarda l'Opzione Donna.

Opzione Donna: requisiti per la pensione anticipata

L'opzione donna è essenzialmente una possibilità di anticipare la propria pensione, riscuotendo un assegno calcolato con il sistema contributivo e non secondo la retribuzione percepita.

Con questo sistema infatti, la pensione si calcola esclusivamente sui contribuiti versati, ai quali verrà applicata una percentuale che varia a seconda dell'età in cui viene fatta la richiesta.

Tra i requisiti fondamentali c'è quello di essere iscritta regolarmente all'assicurazione generale obbligatoria, quindi non è possibile richiedere l'opzione donna per le lavoratrici iscritte alla gestione separata.

Per quanto riguarda invece l'età anagrafica si parla di 57 anni per le lavoratrici dipendenti del settore pubblico e privato, e 58 anni per le autonome. Inoltre tutte le lavoratrici devono avere alla data del 31 dicembre 2015, 35 anni di contribuiti versati mentre, per le dipendenti del settore pubblico, il requisito scende a 34 anni, 11 mesi e 16 giorni.

Pensione 2017: limiti per l'opzione donna

Come detto il calcolo di base è quello contributivo, che comprende anche i contribuiti volontari e figurativi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Lavoro

Rimangono esclusi, quindi non sono utili per il raggiungimento dei 35 anni previsti, i contribuiti accreditati per malattia o disoccupazione.

Per effetto di questo calcolo contributivo, si avrà anche una diminuzione dell'assegno fino al 35% rispetto all'ultimo stipendio. La percentuale è variabile a seconda di età e carriera retributiva. Possiamo dire che più la dipendente è avanzata dall'inizio della sua attività lavorativa, a livello retributivo, più la percentuale di riduzione sarà minore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto