Si accende il dibattito pubblico sulle Pensioni ed in particolare sull'applicazione del parametro relativo all'aspettativa di vita per la maturazione dei requisiti utili all'ingresso nell'Inps. A riaprire il dibattito dopo la decisione di sospendere il giudizio fino al prossimo autunno da parte del Ministro Giuliano Poletti (intervenuto durante il Question Time alla Camera) è Tito Boeri, che si è scagliato nella giornata di oggi contro un'eventuale sterilizzazione della misura. Secondo il tecnico, un simile scenario andrebbe contro gli interessi di chi ora si trova all'inizio della propria carriera lavorativa.

Pubblicità

Vediamo insieme nel dettaglio qual è la posizione del Presidente Inps riguardo la vicenda nel nostro nuovo articolo di approfondimento sulle pensioni pubbliche.

Boeri: il blocco dell'AdV è una politica contro i giovani

Entrando nel merito delle ultime dichiarazioni rilasciate da Boeri durante la Digital Experience Week 2, per l'economista "la tendenza ad aggiustare l'età di pensionamento sarà inevitabile in base all'andamento demografico che vediamo". Per questo motivo, bloccare l'AdV sarebbe "una cattiva idea [...] una politica contro i giovani, perché vorrebbe dire condannarli oggi a pagare molte più pensioni, che dovrebbero pagare di tasca loro sapendo poi che in futuro le cose dovranno essere aggiustate".

A tal proposito, il Presidente Inps suggerisce anche che un blocco dell'indicizzazione si tradurrebbe nella volontà di mantenere in essere un sistema "assolutamente insostenibile", perché comporterebbe "una fiscalizzazione degli oneri contributivi agli inizi della carriera lavorativa".

Pensioni, dalla Camera è considerato un errore l'aumento dell'età pensionabile

Di parere esattamente opposto era stato in precedenza il Presidente della Commissione lavoro alla Camera Cesare Damiano, che aveva indicato come "sbagliato alzare l'età mentre decolla l'APE".

Pubblicità

Commentando l'intervento del Ministro Poletti alla Camera, l'esponente democratico aveva infatti spiegato di trovare "sbagliato e contraddittorio" un eventuale innalzamento dell'età di uscita dal lavoro, soprattutto nel momento in cui "decolla con successo l'APE sociale, che anticipa la stessa età a 63 anni".

E voi, cosa pensate in merito alle ultime dichiarazioni rilasciate sull'aspettativa di vita? Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate farci conoscere la vostra opinione tramite l'inserimento di un nuovo commento nel sito.

Mentre per ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi ricordiamo di utilizzare la funzione "segui" che trovate in alto.