Mentre si continua a discutere della fase due della riforma #Pensioni in vista della nuova manovra di bilancio in discussione in autunno, la legge Fornero sulla previdenza continua a fare danni, tenendo ultrasessantenni al lavoro e giovani disoccupati. Ma in cerca di lavoro, dal 2013, ci sono anche i cinquantenni stritolati dalla crisi economica e dalla chiusura di molte imprese.

Pensioni, la legge Fornero continua a fare danni secondo gli analisti Adapt

E' l'effetto Fornero quello che emerge dai nuovi dati diffusi oggi (31 agosto) dall'Istituto nazionale di statistica secondo gli esperti di Adapt, l'associazione fondata da Marco Biagi, il giuslavorista ucciso a Bologna il 19 marzo del 2002 da un commando di terroristi delle Nuove Brigate Rosse.

Dai dati dell'#ISTAT relativi all'ecosistema occupati-disoccupati emerge che se in qualche modo sono in aumento le persone italiane che hanno un posto di lavoro non è perché si è creata nuova occupazione rispetto agli anni precedenti ma più semplicemente "perché - hanno spiegato gli analisti di Adapt - la pensione si allontana". Questa l'interpretazione dei nuovi dati Istat, tra i quali emerge che "il 51% dei nuovi occupati dal 2013 - viene spiegato - ad oggi è over 50" ma "allo stesso tempo chi perde lavoro dopo i 50 anni - aggiungono gli esperti di Adapt - fatica a ritrovarlo".

La Lega di Salvini continua la battaglia contro la riforma pensioni del 2011

Dopo la diffusione dei nuovi dati Istat si fa sentire la voce della Lega di Matteo Salvini che da tempo si batte invano per l'abrogazione della riforma pensioni targata Monti-Fornero.

"L'onda lunga della riforma Fornero - ha detto l'eurodeputato e vicesegretario leghista Lorenzo Fontana -continua a seminare danni". In particolare sul fronte del lavoro: ultrasessantenni costretti a svolgere ancora lavori pesanti, come lavori edili o agricoli, e giovani costretti alla disoccupazione e al precariato nella migliore delle ipotesi. "L'Istat attesta ha aggiunto Fontana commentando i dati dell'Istituto nazionale di statistica diffusi oggi - che il mercato del lavoro si muove col freno a mano tirato". Contro la legge Fornero in questi giorni ha rincarato la dose anche il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo e in particolare attraverso le parole del vice presidente della Camera Luigi Di Maio e del parlamentare Alessandro Di Battista che hanno concluso nei giorni scorsi il tour elettorale in Sicilia in sostegno della candidatura di Giancarlo Cancelleri a presidente della Regione (le elezioni regionali si svolgeranno il 5 novembre). #Governo