Docenti, personale della Scuola e dirigenti scolastici potranno accedere alla pensione anticipata o alle Pensioni di vecchiaia a partire dal 1° settembre 2018. Si aprirà, infatti, la finestra per le uscite dei dipendenti della scuola che abbiano raggiunto i requisiti per le pensioni anticipate o per la pensione di vecchiaia e che abbiano già presentato la domanda di cessazione dal servizio secondo quanto previsto dal decreto del ministero dell'Istruzione. Ma è necessaria anche la verifica dei requisiti di accesso alle pensioni: sia le pensioni di vecchiaia che le uscite anticipate, infatti, richiedono un'età minima o un numero minimo di anni di contributi.

Requisiti pensioni di vecchiaia o pensione anticipata 2018: docenti e personale scuola

Per la pensione di vecchiaia del personale della scuola dal 1° settembre 2018, l'età per l'uscita è di 66 anni e sette mesi. Si tratta dello stesso requisito previsto per i lavoratori uomini statali e del settore privato e donne dipendenti statali mentre, proprio dal 1° gennaio 2018, anche le donne dipendenti del privato e le autonome hanno visto l'adeguamento alla stessa età. Per la verifica dell'età necessaria per la pensione di vecchiaia, sono da considerarsi in uscita nel 2018 uomini e donne della scuola che abbiano già compiuto o compiano nel 2018 l'età di 66 anni e sette mesi, nati non oltre la fine del maggio del 1952.

Sono necessari, altresì, venti anni di contributi. Una novità è invece prevista per le pensioni dei dipendenti della scuola nel caso di collocamento d'ufficio. Infatti sono richiesti sempre venti anni di contributi, ma l'età di 66 anni e sette mesi dovrà essere compiuta entro il 31 agosto del 2018. Sono interessati, pertanto, i nati entro la fine di gennaio del 1952, salvo il caso in cui non abbiano raggiunto i 20 anni di contributi, ragione per la quale potranno continuare a prestare servizio.

Ultime domanda pensione anticipata e pensioni vecchiaia 2018: come presentarla all'Inps

Ulteriore uscita per i docenti ed il personale della scuola è il ricorso alla pensione anticipata. Per gli impiegati uomini sono necessari 42 anni e dieci mesi di anzianità contributiva, per le donne dodici mesi in meno ovvero 41 anni e dieci mesi. In tal caso si andrà in pensione anticipata senza doversi preoccupare dell'età anagrafica.

Come di consueto, è prevista la presentazione di due domande: la prima, quella di cessazione dal lavoro, dovrà essere presentata dai presidi entro la fine di febbraio 2018. Per docenti e personale Ata, invece, la scadenza è decorsa già in anticipo, il 20 dicembre 2017. Tuttavia è necessario presentare una seconda domanda, ovvero quella di richiesta della pensione anticipata o di vecchiaia direttamente all'Inps tramite il portale istituzionale o l'assistenza del call center (al numero 803 164) oppure, infine, rivolgendosi al patronato con assistenza gratuita.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!