Ulteriori aggiornamenti arrivano in merito al prossimo concorso straordinario previsto per i diplomati magistrale entro l'anno scolastico 2001/2002 e i laureati in Scienze della formazione primaria con due anni di servizio, anche non continuativo (si precisa che il servizio nelle scuole statali con molta probabilità potrà essere maturato fino all’ultimo giorno utile per la presentazione della domanda).

Pubblicità
Pubblicità

Il concorso che sarà bandito mira a stabilizzare 12 mila docenti, e dare una cattedra definitiva a quegli insegnanti che sono stati assunti in ruolo con riserva. L'ultimo aggiornamento di ieri 10 agosto 2018, riguarda la possibilità di attribuzione di un punteggio speciale alle maestre licenziate. Si forniscono, di seguito, maggiori dettagli al riguardo.

Un punteggio speciale a maestre licenziate

Il requisito fondamentale per accedere al concorso straordinario, ovvero quello di avere due annualità di servizio specifico è stato richiesto al fine di limitare i candidati all'accesso alla prova, e quindi non penalizzare coloro ai quali esso è rivolto.

Pubblicità

Un'altra misura incentivante prevista sarà l'assegnazione di un punteggio speciale per il superamento dell’anno di prova ai docenti assunti in ruolo con riserva. Inoltre, di seguito, si farà chiarezza sulle modalità di calcolo dei due anni di servizio.

Modalità di calcolo dei due anni di servizio

I due anni di servizio svolti negli ultimi otto anni nella Scuola pubblica, valgono come requisito per accedere al concorso straordinario per i docenti precari della scuola dell'infanzia e primaria, sono calcolati in base a quanto indicato dall’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999 numero 124.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Nel dettaglio, secondo tale legge, si considera un anno di servizio o anno scolastico intero, almeno 180 giorni di lavoro, oppure il servizio prestato ininterrottamente dal 1° febbraio sino al termine delle operazioni di scrutinio. Infine, si precisa che sono esclusi dal concorso straordinario i docenti con 24 mesi di servizio svolto presso le scuole paritarie. Non si conosce ancora quale sarà il futuro dei maestri diplomati magistrale con supplenze al 30 giugno che non rientreranno nel concorso, nemmeno si sa con quale cadenza verrà riproposto il concorso straordinario, visto che entreranno molti altri abilitati, riducendo così i posti a disposizione.

Si attendono notizie più chiare ed esaustive nei prossimi giorni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto