E' stata pubblicata nella giornata di ieri, 20 agosto 2018, la nuova nota Miur (protocollo 0036820) relativa alle graduatorie di istituto del personale docente ed educativo per la scelta delle sedi scolastiche e per l'inserimento del titolo di specializzazione sul sostegno da effettuarsi attraverso il modello B entro il 10 settembre prossimo. Sono tre, pertanto, le casistiche riportate nella nuova nota del ministero dell'Istruzione: la riapertura dei termini per permettere agli insegnanti che siano già iscritti nelle graduatorie di istituto e che abbiano già presentato domanda di inclusione negli elenchi aggiuntivi della seconda fascia, di poter procedere con la modifica delle sedi scolastiche; la stessa domanda potrà essere presentata dagli aspiranti docenti che non siano precedentemente inseriti nelle graduatorie di istituto per la scelta delle scuole, purché abbiano già presentato il modello di domanda A3 per l'iscrizione stessa; infine, sul sostegno, è possibile immettere il titolo di specializzazione nel frattempo conseguito.

Pubblicità

Proprio dalla data di ieri, 20 agosto, e fino alle 14:00 al 10 settembre 2018 sarà possibile utilizzare il sistema Polis del sito del Miur per poter procedere sia alla scelta o alla modifica delle sedi delle scuole che all'inserimento del titolo di specializzazione degli insegnanti che si candidino per il sostegno.

Domanda scelta o modifica scuole seconda fascia graduatorie istituto: scadenza 10 settembre 2018

Da quanto si legge nella nota del Ministero dell'Istruzione, le sedi espriminibili dai docenti delle graduatorie di istituto sono quelle relative all'anno scolastico 2018/2019.

Punto essenziale della circolare del Miur è quello relativo ai docenti che non risultino iscritti precedentemente alle graduatorie di istituto: per la scelta delle scuole si dovrà procedere con l'indicazione delle istituzioni scolatiche comprese nella provincia nella quale sia ubicata la Scuola alla quale si sia inoltrato il modello di domanda A3 (scuola capofila). Ulteriori novità riguardano anche i docenti che dovessero decidere di sostituire le sedi scolastiche e che siano già iscritti nelle graduatorie di qualsiasi fascia per le supplenze su insegnamenti differenti da quelli per i quali si faccia domanda di inserimento nella seconda fascia aggiuntiva: si potrà richiedere di cambiare o di inserire una o più scuola sempre nell'ambito della provincia di iscrizione.

Pubblicità

Tuttavia, occore fare attenzione alla regola enunciata nella nota del Ministero dell'Istruzione: le scuole già inserite all'inizio del triennio oppure nelle precedenti finestre temporali potranno essere cambiate solo con le sedi nelle quali siano presenti gli insegnamenti per i quali si fa richiesta di inserimento limitatamente alla finestra temporale del 1° agosto scorso. Contrariamente, non si potrà fare richiesta di sostituzione delle sedi laddove già risultino presenti gli insegnamenti iscritti nella domanda di inserimento nella seconda fascia aggiuntiva.

Limite sostituzione scuole domanda Polis del Miur riapertura graduatorie istituto 2018/2019

Dunque, la nota del Miur di ieri riporta la precisazione che, in caso di sostituzione delle scuole, il richiedente risulterà nella nuova istituzione scolastica scelta limitatamente agli insegnamenti per i quali presenterà la domanda di inserimento nella seconda fascia aggiuntiva delle graduatorie di istituto relativa alla finestra del 1° agosto 2018 e per i quali abbia già inoltrato il modello di domanda A3.

Pubblicità

L'esclusione della sostituzione delle scuole riguarda, pertanto, gli insegnamenti per i quali l'aspirante docente era già in precedenza iscritto nelle sedi sostituite oppure per i quali risulti già iscritto nelle graduatorie di istituto, ma in diversa fascia. Ai fini della domanda, inoltre, anche se l'aspirante docente dovesse sostituire la scuola capofila scelta nel modello di domanda precedente, l'istituzione scolastica scelta all'inizio del triennio rimarrà la referente della situazione del candidato per tutto il periodo. Non dovranno presentare alcuna domanda di scelta delle sedi i docenti che intendano confermare le scuole già inserite negli anni precedenti.