In attesa del decreto dei prossimi giorni sulle Pensioni a quota 100, nel corso di questo mese di gennaio si potrà andare in pensione anticipata con i requisiti della Fornero? E' il dubbio riguardante i lavoratori uomini che maturino proprio a gennaio i 42 anni e dieci mesi di contributi versati e delle donne che di contributi possano vantarne 41 anni e dieci mesi. La questione è ancora poco chiara: infatti, in base agli adeguamenti dei requisiti di uscita alla speranza di vita, le pensioni anticipate sarebbero dovute aumentare di cinque mesi dal 1° gennaio 2019, con 43 anni e tre mesi di contributi (gli uomini) e a 42 anni e tre mesi (le donne) al pari degli incrementi delle pensioni di vecchiaia.

Proprio per queste ultime, i requisiti sono stati già adeguati a 67 anni di età e con un minimo di 20 di contributi. Al quesito ha risposto Il Sole 24 Ore facendo chiarezza sul provvedimento in atto al Governo relativo alla Manovra finanziaria del 2019 e del decreto attutivo relativo alla quota 100.

Uscita quota 100 e decorrenza pensione anticipata e pensioni di vecchiaia

All'infuori di quota 100 e delle altre modalità di uscita anticipata, i contribuenti nel 2019 avranno la possibilità di andare in pensione di vecchiaia o in pensione anticipata con le regole fissate dalla riforma Fornero.

Nel dettaglio, per la pensione di vecchiaia serviranno 67 anni di età ed un minimo di venti di contributi, dopo l'adeguamento del requisito anagrafico alla speranza di vita. La pensione scatta dal primo giorno del mese successivo a quello in cui il contribuente abbia maturato l'età pensionabile o nel quale vengano raggiunti i requisiti richiesti. Nel caso della pensione anticipata con i requisiti della riforma Fornero, invece, è necessario maturare gli anni di contributi richiesti (42,10 gli uomini e 41,10 le donne).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Salvini

Tuttavia, il ritorno del meccanismo delle finestre di uscita che verrà ripristinato con la quota 100 ed attualmente allo studio del Governo, potrebbe far slittare la decorrenza della pensione di tre mesi rispetto alla maturazione dei requisiti.

Pensione anticipata a quota 100: ultime novità di oggi e uscita anticipata Fornero nel 2019

E, pertanto, al di là dell'attesa per quota 100, una certa confusione sulla decorrenza della pensione anticipata potrebbe esserci proprio in questi primi giorni del 2019.

Infatti, se un lavoratore avesse raggiunto i requisiti per la pensione anticipata il 1° gennaio scorso o nei primi giorni del 2019, in assenza del decreto legge sulla quota 100 previsto dal Governo dopo le festività natalizie, non potrebbe comunque andare in pensione. Dunque, sarà necessario attendere il decreto attuativo che confermi lo stop all'adeguamento dei requisiti contributivi delle pensioni anticipate della riforma Fornero alla speranza di vita ed il relativo meccanismo delle finestre di uscita che, in ogni modo, farebbero risparmiare al lavoratore appena due mesi rispetto ai cinque preventivati dal blocco del meccanismo della speranza di vita.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto