A partire dal prossimo mese di marzo, tutti i candidati che possiedono i requisiti specificatamente richiesti potranno recarsi presso centri Caf e uffici postali ed inoltrare la propria richiesta per l'erogazione di un reddito di cittadinanza, iniziativa sostenuta e portata avanti fin dal principio dal Movimento 5 Stelle.

Secondo gli ultimi comunicati, l'erogazione del reddito dovrebbe avvenire a partire dal prossimo 27 aprile: dal momento dell'erogazione, il candidato avrà a disposizione un mese per rivolgersi al centro per l'impiego di propria competenza e rilasciare la propria disponibilità al lavoro.

Pubblicità

Durante la ricerca di tale lavoro, ciascun cittadino sarà supportato da un tutor- navigator, il quale, appunto, seguirà il candidato nel suo percorso di inserimento lavorativo e professionale.

I requisiti del tutor

Secondo le dichiarazioni rilasciate dal Presidente dell'Anpal, Maurizio Del Conte, il candidato ideale alla carica di tutor deve innanzitutto avere una conoscenza tecnica e giuridica precisa, oltre ad avere la capacità di valutare le competenze di coloro che si presentano allo sportello.

E' necessario, inoltre, che il tutor sia ben informato anche su quella che è la richiesta territoriale da parte del mercato del lavoro, in modo da poter incrociare al meglio domanda e offerta.

Per conoscere nello specifico quali dovranno essere le caratteristiche e i requisiti che il tutor dovrà possedere, sarà necessario attendere la pubblicazione sul sito web dell'Anpal della procedura di selezione.

Le mansioni del tutor- navigator

Come già previamente anticipato, il compito del tutor o navigator (il dibattito sul nome che verrà attribuito alla nuova figura professionale è ancora oggetto di dibattito politico) sarà quello di accompagnare il cittadino nel processo di ricerca di un'occupazione lavorativa.

Pubblicità

Ciascun tutor, dunque, assisterà il proprio candidato nel percorso di inserimento e di formazione, compilando per ciascun cittadino che gli viene assegnato una scheda personale, in cui dichiara se il cittadino sta rispettando gli impegni assunti nel "patto di lavoro" sottoscritto precedentemente.

La retribuzione di ogni navigator dovrebbe essere pari a circa 30.000 euro annui, consistenti in una retribuzione mensile oscillante tra i 1.700 e i 1.800 euro.

Circa seimila tutor saranno assunti direttamente dall'Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive), mentre altri quattromila dalle regioni, in entrambi i casi con un contratto di collaborazione biennale.