Il leader della Lega Matteo Salvini continua a difendere la Quota 100 varata dal precedente governo gialloverde e avvisa l’attuale esecutivo giallo-rosso sulla riforma delle Pensioni. L’ex vicepremier leghista e ministro dell’Interno passato all’opposizione in pieno agosto quando ha deciso di aprire la crisi di governo continua a mantenere alta l’attenzione su uno dei cavalli di battaglia della Lega in questi anni (l’abolizione o il superamento della legge Fornero) sfociata poi in una delle due misure simbolo (Quota 100) del precedente governo M5s-Lega. L’altra misura simbolo, come si ricorderà, è il reddito di cittadinanza voluto dal Movimento 5 stelle guidato da Luigi Di Maio.

Salvini avverte l’esecutivo sulla riforma delle pensioni

"Conte ha detto – ha detto il segretario del Carroccio intervenendo oggi ad Atreju, la festa di Fratelli d’Italia - che questo governo userà toni moderati. Ma cosa vuol dire moderato?”, ha aggiunto Matteo Salvini dal palco dell’iniziativa del movimento politico di Giorgia Meloni a Roma. “Io – ha proseguito - sono moderato, atlantista e liberale, ma se rimetti in piedi la legge Fornero - ha sottolineato come riporta l’askanews - non ti faccio più uscire dal Parlamento".

Parole dure quelle dell’ex vicepremier leghista che continua a contestare la riforma delle pensioni varata nel 2011 dal Governo Monti sostenuto in Parlamento da una maggioranza di grosse koalition alla tedesca che andava da Forza Italia al Partito democratico e a difendere la pensione anticipata a partire da 62 anni e 38 anni di cui hanno già beneficiato 175 mila lavoratori, secondo gli ultimi dati resi noti dall’Inps.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Salvini

Pensioni Quota 100: risparmi per 1,5 miliardi nel 2019

Il presidente dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale, Pasquale Tridico, a proposito di Quota 100, ha parlato di un risparmio, nel 2019, di 1,5 miliardi per via delle minori richieste rispetto a quelle previste originariamente in fase di progettazione della misura. Sulle inferiori domande di prepensionamento con Quota 100 rispetto a quelle previste inizialmente si è soffermato oggi anche i presidente del Consiglio Giuseppe Conte il quale ha spiegato che comunque la misura sarà confermata anche perché qualche risultato lo avrebbe prodotto in termini di uscite anticipate e quindi posti di lavoro liberati.

Nessuno dei componenti del governo giallo-rosso che in questi giorni si è espresso sulla riforma delle pensioni, però, ha preso ancora posizione ufficiale sulla Quota 41 per i lavoratori precoci e la proroga del regime sperimentale di Opzione donna attese da migliaia di uomini e donne.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto