Mediante il decreto approvato ad agosto, è stato autorizzato il versamento del pagamento del bonus di 600 euro ai collaboratori sportivi anche per il mese di giugno. Tale bonus, secondo quanto specificato nel decreto, sarebbe dovuto essere accreditato in automatico a tutti i collaboratori sportivi che hanno già ricevuto l'indennità nei mesi di marzo, aprile e maggio.

Tuttavia, il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha comunicato che il pagamento dei bonus di giugno ha subito un momentaneo arresto, a causa di un blocco posto dalla Corte dei Conti.

Spadafora annuncia il blocco dei bonus per i collaboratori sportivi

Come già accennato, il Ministro dello Sport e delle Politiche Giovanili, Vincenzo Spadafora, nella giornata di ieri ha pubblicato sulla propria pagina Facebook un post nel quale ha annunciato che la Corte dei Conti ha bloccato il decreto che consentiva a Sport e Salute di procedere al pagamento dei bonus da 600 euro, specificando che senza la registrazione del decreto non c'è la possibilità di procedere oltre.

Alla fine di agosto, il Ministro dell'Economia aveva firmato il decreto per il trasferimento a Sport e Salute dei fondi per il pagamento delle indennità di giugno, quindi era solo questione di giorni prima che la società procedesse all'accredito delle somme.

Il Ministro Spadafora, nel suo post, si mostra solidale con i collaboratori sportivi, affermando che comprende la situazione di difficoltà economica che ha colpito il mondo sportivo: "So bene quanto sia urgente per ciascuno poter ricevere un sostegno che io ho voluto con tanta forza ma che deve arrivare perchè è ora che serve".

Ritardi nei tempi di accredito

Sport e Salute, dunque, era pronta a procedere ai pagamenti, prima che la Corte dei Conti bloccasse il decreto.

Il Ministro Spadafora, tramite il suo post su Facebook, ha annunciato l'arresto di tali accrediti, ma non si è pronunciato circa i tempi necessari per la risoluzione della problematica.

Tuttavia, il Ministro ha ammesso di rendersi conto della necessità dei collaboratori sportivi di ricevere il bonus, specificando che spesso sono proprio le tempistiche ad influire sull'efficacia o meno di una determinata misura: "io ne sono pienamente consapevole e farò di tutto per sbloccare la situazione al più presto".

Disposta la piattaforma per inviare le nuove domande

Nel frattempo, è ancora attiva sul sito web di Sport e Salute, la piattaforma per permettere a tutti i collaboratori sportivi che non lo hanno ancora fatto, di inviare la propria domanda per ricevere il bonus da 600 euro.

Per poter fare domanda sarà necessario possedere specifici requisiti, come il possesso di un contratto di collaborazione attivo da una data precedente al 23 febbraio 2020, che i candidati interessati sono invitati a consultare prima di inoltrare la propria richiesta.

Per registrarsi sarà necessario inviare previamente un sms al numero indicato sul sito della Società, contenente il proprio codice fiscale: coloro che sono interessati a fare domanda, hanno tempo fino ad oggi, 15 settembre.

Segui la pagina Affari E Finanza
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!