È morto per arresto cardiocircolatorio, un uomo di 35 anni a Scorrano in provincia di #Lecce. A dare l'allarme è stata una telefonata al Pronto Soccorso 118, partita dal suo stesso telefono fisso di casa, da parte di un anonimo che ora gli investigatori stanno cercando.

Il fatto - Il 35enne G.T. potrebbe essere deceduto per overdose, in quanto all'interno dell'abitazione è stata rinvenuta una dose di eroina. L'uomo che ha telefonato per i soccorsi si è subito dileguato, si presume che al momento della chiamata G.T. fosse ancora vivo. All'arrivo dell'ambulanza, verso le 18,20 circa di ieri 5 dicembre 2014, i sanitari ha fatto di tutto per rianimare l'uomo, ma ormai era troppo tardi e non c'era più nulla da fare se non constatarne il decesso.

La vittima abitava in via Giosuè Carducci alla periferia di Scorrano, ed è lì che è stato trovato morto e poi trasferito al locale ospedale.

Ora tutte le attenzioni dell'indagine sono rivolte alla ricerca dell'uomo che ha telefonato al 118, solo quest'ultimo può conoscere la dinamica dell'accaduto e spiegare perché si trovava nell'abitazione della vittima. Come detto si presume che la morte sia stata causata da un'eccessiva assunzione di droga. Dai primi rilevamenti delle Forze dell'Ordine, si è venuti a conoscenza che il giovane era in cura presso un centro di recupero. Il Pubblico Ministero Giovanni Gagliotta, presso la Procura di Lecce, ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti ed ha disposto un'inevitabile autopsia, che sarà eseguita dal medico legale presso l'Ospedale di Scorrano, dove ora si trova la salma all'interno dell'obitorio.

I migliori video del giorno

Le domande che gli inquirenti si pongono sono: l'uomo della telefonata era amico della vittima oppure era lo spacciatore che gli forniva la droga? Era un parente che si trovava lì per caso o un semplice conoscente? Sono tutti interrogativi che possono portare all'identità di colui che ha visto tutto sin dall'inizio e capire se esistono altri responsabili della morte del 35enne. Inoltre i successivi elementi acquisiti potrebbero portare ad una eventuale organizzazione che spaccia abitualmente droga nel territorio salentino.