La notizia è arrivata nel pomeriggio di ieri, 9 dicembre, ed è da considerarsi un classico "fulmine a ciel sereno" per la società. Un fattaccio che sicuramente avrà bisogno di chiarimenti interni alla stessa squadra. È successo, secondo quanto riportato da metropolisweb.it, che l'attaccante in forza alla Juve Stabia, Adriano Montalto, è stato protagonista di una rissa a Pompei. La notizia è davvero clamorosa perchè, secondo quanto riportato da vari siti internet, l'attaccante della squadra campana avrebbe riportato addirittura la rottura del setto nasale. Le indiscrezioni dicono che la rissa sarebbe scaturita da un apprezzamento di troppo da parte dell'attaccante Montalto nei confronti di una donna.

Nel momento dell'accaduto, da quanto riportano le fonti, sarebbero stati presenti anche diversi compagni di squadra di Montalto.

Montalto in un periodo- no

L'attaccante delle Vespe è in un periodo- no e quest'anno ha segnato soltanto un gol, scendendo in campo per pochi spezzoni di gara. In tutto, Montalto ha giocato 5 gare, di cui soltanto 2 da titolare ed è andato a segno solo 1 volta, contro il Foggia. Adesso, con il setto nasale rotto, Montalto sarà fuori dai terreni di gioco per qualche settimana. Insomma, un brutto colpo per la Juve Stabia che adesso dovrà decidere se continuare a puntare sull'attaccante ex Trapani e Martina Franca.

La situazione in campionato

La Juve Stabia, dopo la sconfitta contro la Fidelis Andria rimediata nel turno infrasettimanale, si trova al secondo posto in classifica, insieme al Matera.

Proprio contro i lucani, la Juve Stabia dovrà recuperare la gara che era stata sospesa per nebbia: verrà recuperata martedì 13 dicembre. Prima di quella sfida, però, i campani dovranno vedersela contro l'Akragas. La squadra siciliana è in periodo di forma scarso [VIDEO] e rischia seriamente di perdere posizioni importanti in classifica. Per questo, i siciliani cercheranno di giocare a viso aperto e proveranno a dar fastidio alla Juve Stabia che ha necessità dei 3 punti per non perdere di vista la vetta.