Spesso sui social abbiamo visto gente 'folle' fare un coraggioso tuffo fuori stagione nelle splendide acque salentine. Magari riprendendosi per poi postare il coraggioso gesto su Facebook o Instagram e vantarsene con gli amici. Vero è che, inoltre, la magia del mare salentino non diminuisce nella stagione invernale, anzi, in un certo senso aumenta.

Così questa volta a non resistere al richiamo del mare è la bravissima attrice Cristiana Capotondi che, assolutamente fuori stagione, si immerge nelle cristalline acque di Porto Selvaggio.

A condividere sul web il coraggioso gesto, lo storico compagno Andrea Pezzi, con il quale la 36enne romana è insieme da ormai 8 anni.

L'ex conduttore di MTV, da qualche anno imprenditore multimediale, pubblica una chat di Whatsapp, dove Cristiana posta la foto del suo gesto corredata da un laconico "Comunque io l'ho fatto". Il fidanzato le risponde "Tu sei matta". Lo screenshot della conversazione finisce poi sul profilo Instagram di Andrea Pezzi che commenta "L'insostenibile attrazione di Cristiana Capotondi per il mare. Oggi in Puglia accade".

L'attrice nel Salento per un film su Renata Fonte

L'attrice romana si trova a Nardò per girare una fiction sulla vita di Renata Fonte, politica salentina, uccisa nel 1984 all’età di 33 anni. Le riprese, rallentate dall'emergenza neve di Gennaio, sono riprese e dureranno per tre settimane.

Il film, andrà in onda su Mediaset in primavera e racconterà la storia dell’assessore del comune di Nardò Renata Fonte, che pagò con la vita le lotte contro la speculazione edilizia e gli interessi che la mafia salentina aveva nel settore.

I migliori video del giorno

Il film fa parte di 'Liberi sognatori', una serie di quattro racconti, che verte su altrettanti personaggi che, seppur abbandonati dalle istituzioni e isolate dai media, hanno voluto compiere il proprio dovere di cittadini, pagando con la vita la loro voglia di giustizia e il loro coraggio. La già citata Renata Fonte, ma anche Libero Grassi, Mario Francese ed Emanuela Loi, quattro eroi che volevano fare dell'Italia un paese migliore.