Le vacanze sono un esborso fin dalla partenza, dai costi della benzina fino alla destinazione. Ma questi costi si possono ridurre con alcune accortezze. La vettura deve innanzitutto essere tenuta nella miglior efficienza possibile, quindi quanto più accurata è la manutenzione, tanto maggiore è il rendimento sotto ogni profilo (Consumi inclusi) della vettura stessa. Il tagliando e la revisione vanno fatti quando è il momento, che si vada in vacanza o meno.

Occhio ai bagagli

In secondo luogo, minore è il numero di bagagli che si porta con sé, minore è il peso della vettura e, dunque, minori sono i consumi.

Per alleggerire il peso iniziale si può anche scegliere di partire con poco carico di carburante e di farlo strada facendo, ma l'incognita di una simile soluzione è data dai prezzi della benzina che si incontreranno strada facendo e che potrebbero essere più alti di quelli che si conoscono nei propri abituali dintorni cittadini. In ogni caso, esistono App che forniscono i prezzi dei distributori più vicini ovunque ci si trovi.

Climatizzatore da usare in maniera 'intelligente'

Stare bene e non patire troppo caldo durante il viaggio è una tassa che si paga in termini di consumi, perché il climatizzatore è notoriamente molto avido e assorbe molta energia dalla vettura, aumentando dunque i consumi. Una volta raggiunta una temperatura accettabile all'interno della vettura è bene dunque spegnerlo, almeno fino a quando il caldo non torna a farsi sentire.

Aprire i finestrini non è invece una buona idea, dal punto di vista dei consumi, perché l'aria che entra rallenta un minimo la vettura e dunque comporta maggiori consumi per mantenere la stessa velocità.

Controllare le gomme

La giusta aria è invece necessaria alle gomme, perché una pressione inadeguata rende più faticoso il movimento rotatorio dei pneumatici e, dunque, comporta nuovamente maggiori consumi.

I costi aumentano anche se si 'tirano' troppo le marce, ma questo problema su molte vetture può essere superato dall'indicazione automatica della marcia consigliata per la velocità a cui si procede. Molte vetture, analogamente, spengono automaticamente il motore quando la vettura non è in marcia così da evitare consumi inutili. Anche se non si dispone di un sistema automatico di arresto del motore, il consiglio è quello di spegnerlo in qualsiasi occasione non occorra.

Altrettanto importante è evitare le ripartenze a sprint, le cosiddette sgommate: non servono a nulla, se non a consumare più carburante di quanto sia necessario.

Segui la nostra pagina Facebook!