L'O.S. FAISA-CISAL ha indetto uno sciopero del servizio ferroviario dell'Ente Autonomo Volturno (Cumana e Circumflegrea) per il giorno 26 novembre 2015. L'azienda, che consente il collegamento del capoluogo campano con la zona flegrea, ha annunciato agli utenti, con sufficiente anticipo, gli orari in cui il servizio è soppresso e le corse garantite immediatamente prima e dopo il periodo di sospensione.

Il periodo di tempo in cui non sarà assicurata la migliore e puntuale prestazione per l'utenza va dalle 8.00 alle 14.30.

Ultime partenze garantite prima dello sciopero

Per quanto riguarda la linea della "Cumana", l'ultima partenza da Montesanto in direzione Torregaveta sarà quella delle 08.01, mentre, l'ultima corsa nella direzione opposta partirà alle 08.20; per quanto concerne, invece, la linea della "Circumflegrea", alle 08.03 ci sarà l'ultima partenza da Montesanto in direzione di Licola, e, sull'altro versante, l'ultimo treno da Licolagarantirà la prestazione delle 08.43.

Prime corse garantite al termine dello sciopero

Alla ripresa dopo la sospensione, il primo treno che partirà da Montesanto in direzione dell'altro capolinea della "Cumana" sarà quello delle 13.41 e la prima corsa che tornerà in funzione da Torregavetasarà alle 14.00; orari di ripristino del servizio sostanzialmente simili per quanto riguarda il primo treno della linea "Circumflegrea" partente da Napoli (13.43), mentre per la prima corsa da Licola bisognerà attendere fino alle 14.23.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Una piccola, ma buona notizia c'è però per gli utenti della "Cumana" che potranno usufruire ancor prima del termine ufficiale dello sciopero di una corsa "Fuorigrotta"-"Torregaveta" che sarà disponibile già a partire dalle 13.27 e un'altra, "Fuorigrotta"-"Montesanto", usufruibile dalle 13.30.

Qualcosa sta cambiando?

Dopo le promesse di De Luca (pesanti investimentidestinati al settore dei trasporti) e con l'impegno profuso dalle nuove amministrazioni dei comuni flegrei, pare che il trasporto pubblico a Napoli si stiaavvicinando a una svolta che possa riavvicinarlo a discreti livelli di civiltà.

Anche se c'è ancora molto da lavorare, le premesse appaiono tuttavia rincuoranti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto