Decreto legge 26 giugno 2014, n. 92: Disposizioni urgenti in materia di rimedi risarcitori in favore dei detenuti e degli internati che hanno subito un trattamento in violazione dell'articolo 3 della convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, nonché di modifiche al codice di procedura penale e alle disposizioni di attuazione, all'ordinamento del Corpo di polizia penitenziaria e all'ordinamento penitenziario, anche minorile.

(GU Serie Generale n.147 del 27-6-2014) note: Entrata in vigore del provvedimento: 28/06/2014. Ne avete sentito parlare in tv o sui giornali?

In sostanza, il decreto dice che, il Consiglio dei Ministri, su proposta di Matteo Renzi e del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha approvato un decreto legge, contenente disposizioni urgenti in materia di rimedi risarcitori in favore dei detenuti e degli internati che hanno subito un trattamento in violazione dell'articolo 3 della Convenzione europea, per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, adempiendo, così, alle imposizioni di specifiche misure riparatorie in favore dei detenuti che hanno scontato la pena in una condizione di sovraffollamento.

Sono somme che vanno da € 10.600 a € 23.500, in quest'ultimo caso, per un periodo di detenzione pari a tre anni e tre mesi. Il provvedimento adesso adempie tali direttive, prevedendo che i detenuti abbiano diritto a ottenere la riduzione di un giorno di pena per ogni dieci durante il quale è avvenuta la violazione del loro diritto a uno spazio e a condizioni adeguate, con contestuale previsione in favore di coloro che non si trovino più in stato di detenzione, di un risarcimento pari a 8 euro per ciascuna giornata di detenzione, trascorsa in condizioni non conformi alle indicazioni della Corte europea.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Renzi

Ora, vi ricordate le immagini di quei vecchietti che rovistavano nei cassonetti dei mercati, alla ricerca di qualcosa da mangiare? Vi ricordate quando le televisioni erano inondate dalle immagini e dalle interviste a queste degnissime persone che, non arrivando alla fine del mese, piuttosto che rubare, rovistavano tra gli scarti? Allora metterle davanti a una telecamera seguiva uno scopo ben preciso, mostrare il malumore della gente verso un governo inetto poi, all'improvviso, scomparvero da qualunque canale!

Secondo voi è perché era stata trovata una soluzione? Gli era stata aumentata la pensione? O, magari, è solo perché l'accordo PD-PDL, i possessori dell'etere e dell'informazione, faceva sì che da quel momento si tacesse sui reali problemi in Italia?

È normale uno stato come quello italiano che, con decreti astrusi, approvati in larga maggioranza, crea una nuova categoria di disperati, gli esodati, con le tasse riduce all'osso i risparmi degli italiani onesti e amplia la fascia di povertà, con decreti ghigliottinati approva una regalia, l'ennesima, alle banche, con altri decreti riduce a somme ridicole una multa miliardaria ai possessori delle slot-machine e poi aumenta l'iva per recuperare qualche miliardo e risarcisce chi delinque?

A me, disoccupato da cinque anni, nessuno risarcisce 8 euro al giorno per la condanna ingiusta di vivere in una nazione che non dà nessuna speranza, a me nessuno risarcisce alcunché per la mia onestà, a me nessuno risarcisce nulla per la disperazione di vedere i miei figli arrancare verso il nulla. Togliere mio figlio dall'università perché non l'ho più potuta pagare e vederlo, adesso, fare l'apprendista pasticciere, è qualcosa che mi fa salire il sangue agli occhi, ma ciononostante, non vado a spacciare, non faccio scippi, rapine e non truffo… ma mi sa che, alla luce di questo decreto, alla luce delle tanti voci d'indulto che girano da un bel po', comincerò a inviare il mio Curriculum Vitae alle associazioni criminali per trovare un posto da loro, perché, ne sono sicuro, a breve qualche decreto per il versamento dei contributi o per preservargli un posto in qualche ufficio, lo faranno!



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto