Una tra le patologie che più sta prendendo piede nel nostro quotidiano è la SNAS, comunemente conosciuta come Sindrome da Allergia Sistemica Al Nichel. La SNAS è un'allergia da accumulo dovuta a una concentrazione piuttosto elevata di questo metallo pesante e provoca reazioni allergiche al contatto, sia interno che esterno, che viene diagnosticata tramite un esame clinico chiamato Patch Test.
La vita di un soggetto colpito da questa allergia cambia dal momento in cui viene scoperta la causa di tutti gli innumerevoli sintomi che questa patologia comporta.

Dal momento in cui il Patch Test risulta essere positivo al nichel, bisogna cambiare stile di vita. Solitamente con un'iniziale assunzione di antistaminici per alleviare la sintomatologia, successivamente con altri cambiamenti.

Il modo di vestire e mangiare o anche truccarsi deve essere subito riadattato a questa condizione.  Ed è così che se prima la Nutella poteva essere vista come lo sfogo alle proprie pene d'amore o ai dispiaceri più vasti, o semplicemente come una compagna di merende, ora diventa un miraggio.

La lista di alimenti vietati nella "dieta anti-nichel" è purtroppo lunga. Legumi, cacao, crostacei lieviti e cibo in scatola sono tra i primi ad essere cancellati dalla propria cucina. Il vestiario deve essere attentamente selezionato, gli accessori metallici aboliti o revisionati e gli utensili utilizzati per preparare le pietanze (solitamente in acciaio inossidabile) sostituiti da quelli in vetro, ceramica, o acciaio garantito senza NI.

Comincia la vita alla ricerca del "nichel-tested" o "nichel-free" (anche se la seconda opzione risulta meno affidabile): questo metallo è purtroppo presente in quasi tutto quello che ci circonda. Basta pensare che il nichel si trova nell'acciaio inossidabile, nei cosmetici, detersivi, montature di occhiali, chiusure lampo, orologi,viti, ganci, chiavi, monete e altro ancora.

Quindi, alla vista di questa positività, se per prima cosa si viene presi dallo sconforto, al ritorno della lucidità si deve iniziare a pensare a come adeguarsi a tutto quello che la SNAS comporta.
Si inizia a cambiare il proprio modo di vivere, tra qualche lacrima iniziale: si saluta pacificamente la Nutella, ad esempio, come se fosse una nostra cara amica d'infanzia (per chi non lo è?), lasciando questa super calorica leccornia in mani altrui.

Si guarda la lista che ci lascia l'allergologo con tristezza, ma consci del fatto che la vita va comunque avanti anche se con molti accorgimenti da fare. Sì, la vita va avanti. Nichel-tested incluso.

Fonte: esperienza personale.



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto