Rispetto molto le istituzioni ed i valori, ma qualcosa nella concezione catto-democristiana della famiglia attuale non mi convince: le cifre della manifestazione che si è tenuta al Circo Massimo Sabato 30 Gennaio 2015 a tutela della famiglia contro il ddl Cirinnà parlano di un milione d'adesioni, mentre la struttura del Circo Massimo ne può contenere solo trecentomila, inoltre la famiglia tradizionale di puro stampo cattolico sono certo non concepisca il concetto di nuova formazione di "famiglia allargata" ormai in uso nell'ambito sociale, quindi vorrei capire Salvini, Adinolfi, e compagnia politica cantante, a che tipo di "tradizionalità" si riferissero, vista la collezione di divorzi che hanno in atto.

Forse per loro è diventata tradizione avere più ex mogli,ed il problema credo sia proprio questo, rendere ordinario ossia tradizionale, o per meglio dire tristemente tradizionale, ciò che di tradizionale non ha nulla perlomeno non nell'ambito della dottrina religiosa professata da molti di questi esponenti politici.

Proseguiamo con il capitolo Giorgia Meloni: la leader di "Fratelli d'Italia" ha annunciato la sua gravidanza proprio durante la manifestazione a "tutela" della famiglia non palesando per nulla il nome del papà del nascituro, in un occasione che poteva essere un ottimo espediente per elevarsi a paladina della famiglia.

Forse in lei battono così fortemente un istinto maschile e femminile all'unisono che ha ritenuto inopportuno palesare il nome del papà del bebé, ma probabilmente anche tutto questo rientra nel concetto di famiglia tradizionale attuale.

Ma veniamo al clou dell'incoerenza cattolica rispetto alla tutela delle unioni vidimate dalla Chiesa:"Finché morte non vi separi" cita la funzione nuziale durante il matrimonio, ma sembra che per separarsi sia sufficente un amante, infatti l'associazione matrimonialisti italiani ha diramato dati percentuali in aumento rispetto a quella che è la prima causa di divorzio, appunto l'adulterio.

Il 55% dei mariti ha tradito almeno una volta la propria moglie, mentre invece il gentil sesso s'attesta al 45%.

Ora c'è qualcosa che mi sfugge: è mica nata una dispensa papale per rendere nullo all'istante il tradimento? Oppure la famiglia attuale viene definitità tradizionale perché è tradizione ormai tradire il proprio consorte?

Più che "Family Day" avrei intitolato la manifestazione "Family dove sei?"

Termino con una semplice constatazione: i miei nonni sono vissuti insieme per più di 50 anni, e non c'è stato mai bisogno di nessun "Family day" per ricordargli che valore importante fosse la famiglia, quindi magari prima di destinare un giorno apposito a tutela d'un valore, prima ripristiniamolo.

Segui la nostra pagina Facebook!