Dopo due mesi dalla decisione della consulta che ha dichiarato l’Italicum parzialmente incostituzionale, come era prevedibile, i partiti non sono riusciti a modificarne quello che resta, oppure a farne una nuova tenendo conto delle indicazioni della Corte. La realtà è che gli equilibri numerici in Parlamento, ed in particolare al Senato, sono particolarmente delicati e basterebbe poco per mandare all’aria la legislatura.

Il Pd riprova con il Mattarellum

Il Partito democratico che in Parlamento può contare su oltre il 40% tra deputati e senatori, riprova a mettere in campo il Mattarellum, la legge elettorale con la quale si è votato nel 1994, 1996 e 2001. Una legge di tipo maggioritario in cui il 75% dei seggi è assegnato in collegi uninominali e il restante 25% con il sistema proporzionale con sbarramento al 4%. Inutile ricordare che una simile proposta non trova d’accordo i piccoli partiti, che oltre a non avere la certezza di arrivare al 4% nella quota proporzionale, dovrebbero eleggersi i parlamentari nei collegi maggioritari cercando accordi con i partiti maggiori. In ultimo anche questo sistema non garantisce una maggioranza sicura la sera stessa delle elezioni visto che ogni collegio è diverso dall’altro.

Resta l’Italicum modificato dalla Corte?

L’ipotesi che, tuttavia, sembra quella più realistica è quella che alla fine non si troverà nessun accordo e si andrà a votare con l’attuale Italicum, un proporzionale puro in cui il premio di maggioranza verrà assegnato alla lista più votata purchè superi il 40% dei voti e dove la soglia minima di voti per entrare in Parlamento è del 3% il che metterebbe d’accordo i piccoli partiti (che sono tanti).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Elezioni Politiche Pd

Il rovescio della medaglia è che, allo stato attuale, stando ai sondaggi, non ci sarebbe la possibilità di poter formare una maggioranza, visto che in tutte le combinazioni possibili non si riesce a raggiungere i 316 seggi alla Camera. L’unica possibilità sarebbe quella che il Movimento 5 Stelle decidesse di allearsi rimettendosi in gioco e sbloccando la situazione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto