I recenti attentati di Londra e Stoccolma confermano come il terrorismo sia cambiato nel tempo e quanto sia proteiforme. Tale cambiamento è accompagnato da un’evidente regressione nella logistica e nella pianificazione che lascia spazio all’ estemporaneità e a un sostanziale aumento dell’imprevedibilità dell’atto stesso.

Il nuovo terrorismo

Contrastare i cosiddetti lupi solitari diventa pura utopia. Infatti siamo difronte all’atto di un singolo che decide autonomamente, nella maggior parte dei casi, come e quando agire e anche se eterodiretto, appare comunque guidato da istanze psicologiche di riscatto e vendetta figlie della ghettizzazione sociale che vive quotidianamente.

Una frustrazione esistenziale che pone alla base della sua adesione alla causa jihadista.

Anche Il modus operandi cambia: non più kamikaze ma individui che poi tentano di fuggire per poi, forse, pianificare altri attentati, a differenza da ciò che succede in altre regioni dove la pratica suicida permane come testimonia la strage di Cristiani Copti in Egitto o l'attentato di San Pietroburgo.

La responsabilità delle istituzioni

Lo stesso ministro dell’interno Minniti ha detto che ci troviamo davanti a una minaccia terroristica a prevedibilità zero proprio perché frutto di iniziative soggettive e non monitorabili.

Un’affermazione che sicuramente intacca la percezione della sicurezza di una comunità, ma che secondo il sottoscritto rappresenta forse il primo atto di coscienza e di responsabilità proveniente dalle istituzioni, privo di retorica o demagogia del caso. Partire dalla consapevolezza che i sedicenti progressi fatti nella guerra contro l’Isis in terra orientale, nonché l’escalation di violenza che vive abitualmente quella regione, pensiamo allo strazio e all’ indignazione per le recenti vittime siriane dell’attacco con il gas nervino, e il pericolo terroristico che incombe sull’Europa costituiscono due problemi indipendenti nella loro soluzione, anche se logicamente legati, è già un inizio.

Tiziano Terzani affermava che il problema del terrorismo non si risolverà uccidendo i terroristi, ma eliminando le ragioni che li rendono tali. Tale riflessione deve rappresentare quell'inizio e indicare, in un'ottica di collaborazione internazionale concreta, la finalità, la strada da percorrere in futuro per debellare un pericolo ormai diventato parte integrante della nostra quotidianità.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto