Dopo l'inaspettata vittoria di Mahmood al Festival di Sanremo, molte le polemiche contro il sistema con il quale viene stilata la classifica che prevede in percentuali diverse il giudizio del televoto, della sala stampa, della giuria demoscopica e della giuria di qualità.

Dai fischi dell'Ariston per il mancato podio di Loredana Bertè, allo scontro di Ultimo con i giornalisti agli artisti che hanno cancellato la loro partecipazione allo speciale di Domenica In per protesta, un po' tutti hanno partecipato alla polemica a tal punto che anche Luigi Di Maio è intervenuto nella polemica dichiarando che "per l'anno prossimo magari il il vincitore si potrebbe far scegliere solo col televoto". Ma davvero l'eliminazione delle altre giurie avrebbe evitato le polemiche?

Pubblicità
Pubblicità

Il televoto favorisce i cantanti non le canzoni

Se a votare fosse solo il pubblico da casa appare chiaro che i cantanti più in voga del momento o quelli con una fan base più grande sarebbero nettamente favoriti alla vittoria indipendentemente dalla loro canzone cosa che appare come un controsenso per il Festival della canzone italiana.

Questo non è però l'unico problema che si può riscontrare nel televoto, infatti ad oggi è difficile contrastare gli usi scorretti del servizio, come l'utilizzo di call-center e questo consentirebbe una probabile manipolazione del servizio come si è già visto in passato.

Lo ha ricordato così Luca Dondoni sulla versione digitale de La Stampa: "Quando al Festival è successo che si desse solo al Televoto la possibilità di votare e si è visto, grazie a chi si poteva permettete di spendere decine di milioni di lire per comprare i voti dei call center, quanto le classifiche finali fossero falsate".

Un altro grande problema è il fatto che i cantanti possono essere televotati durante l'intera serata, questo ovviamente a discapito di chi esibisce nella parte finale della gara quando il numero di telespettatori e quindi di potenziali voti diminuisce. Quindi si può fare qualcosa per avere una classifica che metta d'accordo un po' tutti?

Pubblicità

Cambiare il sistema di voto del Festival di Sanremo

Un metodo certo e infallibile per mettere d'accordo tutti è impossibile da trovare e il direttore artistico del prossimo Festival di Sanremo, a seguito delle polemiche di quest'anno, avrà molto da cambiare in questo senso. Per evitare possibili problemi di manipolazione del televoto potrebbe essere mediato per il 50% dalla giuria demoscopica in tre serate, per il 50% dalla stampa in un'altra serata e per il 50% nella serata restante da una giulia di qualità composta da persone competenti nell'ambito musicale.

Per evitare i problemi relativi ai call center, all'ordine di uscita dei cantanti e ai fan il televoto si dovrebbe poter effettuare solo tramite app dopo essersi registrati e aver verificato la propria identità esprimendo la propria top ten solo al termine di tutte le esibizioni. La posizione data ad un cantante nella propria classifica di gradimento dovrebbe essere convertita in voti al fine del calcolo della classifica generale. Bisognerà aspettare ancora parecchio per sapere se e come verrà cambiato il sistema di voto per il prossimo Festival di Sanremo.

Pubblicità

Leggi tutto