Ieri pomeriggio la commissione Bilancio della Camera ha iniziato le votazioni sulla legge di stabilità dell'anno prossimo. Esso è il documento finanziario più importante per il governo, inerente al controllo delle politiche pubbliche al fine di mantenere i requisiti richiesti dall'Unione Europea.

Monopolio per lavorazione e commercializzazione

Sinistra Italiana insieme ad altri deputati propone un emendamento di monopolizzazione della cannabis da includere all'interno della legge finanziaria.

Lega Nord e Partito democratico dicono no. “Monopolio della cannabis e dei suoi prodotti derivati, nonché destinazione delle maggiori entrate all’emergenza sismica” questo era il nome dell'emendamento. Esso proponeva di creare un monopolio simile a quello del tabacco sulla coltivazione, lavorazione e commercializzazione della cannabis e di tutti i suoi derivati. L’Agenzia delle dogane e dei monopoli avrebbe seguito direttamente tutte le fasi di lavorazione e le concessioni per la coltivazione della pianta.

Invece il livello delle accise, dell’aggio per la vendita al dettaglio, e tutte le relative modalità di riscossione e versamento, nonché il prezzo di vendita al pubblico del prodotto sarebbero state stabilite dal Ministero dell'Economia.

Cannabis e danni sismici

La parte più interessante dell'emendamento è quella che descriveva come le maggiori entrate fino al limite massimo di 5 miliardi annui venisse direttamente versata ad un fondo a garanzia pubblica per la concessione dei contributi diretti, finalizzati all’assistenza della popolazione e alla ripresa economica nei territori interessati dagli eventi sismici del 24 agosto 2016 e del 26 ottobre 2016.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Lega Nord Matteo Renzi

Un modo convincente per poter coprire i danni creatisi con i vari terremoti dell'ultimo periodo e fare in modo di creare una ripresa economica anche in quei territori. Ovviamente un ingente guadagno arriverebbe anche nelle casse dello stato e con i tempi che corrono, non sarebbe una cattiva scelta.

Il Movimento 5 stelle oltre che condividere l'idea di Sinistra Italiana, ha anche votato a favore dell'emendamento.

Contrariamente a quanto ci si aspettava, il Partito Democratico ha osteggiato la proposta, con l'aiuto della Lega Nord. Alla fine l'emendamento è stato bocciato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto