L’associazione degli ex parlamentari annuncia battaglia contro la delibera sul taglio dei vitalizi approdata oggi in ufficio di presidenza alla Camera: proprio questo pomeriggio si è svolta a Montecitorio una conferenza stampa con Antonello Falomi e Giuseppe Gargani, i quali hanno spiegato nel dettaglio i motivi della loro opposizione a questo provvedimento voluto dal Presidente della Camera Roberto Fico.

Pubblicità
Pubblicità

Falomi: 'Togliere vitalizi è pura vendetta politica: l'obiettivo è mettere mano alle pensioni degli italiani'

L'ex deputato di DS e Rifondazione Comunista Antonello Falomi ha spiegato: "Questa delibera non è frutto della farina di Fico, ma nasce da una stretta collaborazione, peraltro poco chiara, fra il presidente della Camera e il presidente INPS Tito Boeri. Infatti l'INPS ha messo a disposizione della Camera due propri funzionari per fare delle simulazioni delle conseguenze di questo atto.

Pubblicità

Noi abbiamo posto l'obiezione da tempo del fatto che è tecnicamente impossibile ricalcolare i vitalizi erogati prima del 1996, ovvero prima dell'esistenza del sistema contributivo". Poi Falomi ha proseguito: "Ci si sta accanendo per ragioni solo politiche contro una categoria di cittadini, l'equità sociale non c'entra niente: questa è pura vendetta Politica. In democrazia però la punizione deve essere politica e passare tramite libere elezioni, solo nei regimi totalitari si puniscono le persone in quanto classe politica anche se non hanno violato leggi".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

E poi Falomi ha aggiunto: "Il loro obiettivo è di mettere mano alle pensioni degli italiani. Noi ex parlamentari siamo solo il 'cavallo di Troia' attraverso cui mettere mano alle pensioni della gente comune. Sono i poteri forti come FMI e BCE che chiedono esplicitamente di contrastare e ridurre la spesa pensionistica italiana. Non aiutano certo le pensioni più basse o i redditi di cittadinanza: in un Paese di evasori che trasferiscono soldi nei paradisi fiscali l’unico bancomat sono i pensionati".

Gargani: 'Valuteremo se andare in tribunale per chiedere i danni'

L'ex deputato della Democrazia Cristiana e poi europarlamentare di Forza Italia, nonché giurista, Giuseppe Gargani ha invece precisato: "Faremo ricorsi in sede interna perché rispettiamo l’autodichia, ma l’ufficio di presidenza risponde personalmente delle sue decisioni, perciò valuteremo anche altre strade, come tribunali ordinari e TAR, Valuteremo situazione per situazione, deputato per deputato, quale è l'organo a cui ci dovremo rivolgere".

Pubblicità

Aggiungendo: "Solo la legge potrebbe mettere un tetto, ma non l'ufficio di presidenza. Faremo una valutazione complessiva se si potranno chiedere i danni", annunciando nella sostanza una specie di possibile class action, ma chiudendo: "Mi rifiuto di pensare che davvero l'ufficio di presidenza arrivi a fare una cosa del genere".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto