Tra gli obiettivi del programma di Lega e 5 Stelle contenuto nel contratto di Governo c’è la pensione di cittadinanza. Una misura innovativa che cerca di eliminare il disagio economico dei pensionati con Pensioni minime, costretti a vivere in condizioni d'indigenza o comunque vicini alla soglia di povertà.

Più di 10 milioni di pensioni sotto i 780 euro

La pensione di cittadinanza, che dovrebbe essere inserita nella riforma previdenziale del governo, riguarderà coloro che percepiscono pensioni sotto i 780 euro mensili.

Pubblicità
Pubblicità

Un intervento volto a offrire un tenore di vita più alto a chi ha pensioni troppo basse. Secondo l’ISTAT, infatti, sotto i 780 euro si annida la soglia di povertà.

Con l'introduzione della pensione di cittadinanza, un pensionato che oggi percepisce 400 euro prenderà una somma ulteriore pari a 380 euro, per raggiungere i 780 euro (così chi invece prende 600 riceverà altri 180 euro, e chi percepisce 500 euro 280 in più).

Pubblicità

La somma, inoltre, aumenterà in base al numero di familiari a carico, ma molto probabilmente la persona destinataria dell’agevolazione non dovrà superare un certo reddito ISEE.

I dati statistici che riguardano le pensioni non sono positivi: secondo uno studio condotto a marzo 2018, le pensioni inferiori a 750 euro in Italia erano il 62,2%, e le donne che rientrano in quella somma sono addirittura il 75,5%.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Numeri alla mano, gli aventi titolo alla pensione di cittadinanza sarebbero ben 11.117.947 di cittadini e di questi solo il 44,3% (cioè 4.930.423) non gode già di altri benefici dedicati alle categorie svantaggiate.

Problema coperture: dove trovare i fondi per la nuova pensione?

Ma dove si dovrebbero reperire le coperture? Per riuscire a sostenere questa manovra di Welfare, secondo l'attuale governo basterebbe ricorrere al Fondo Sociale Europeo (FSE).

L’Italia, ancora una volta, ha un record negativo per le pensioni e i redditi percepiti dai cittadini. Insieme alla Grecia, il nostro paese è l'unico stato dell'Ue a non aver adottato misure d'intervento per contrastare la povertà dei cittadini che percepiscono assegni pensionistici così bassi.

I numeri sono davvero allarmanti: ecco perchè da tempo i politici sostengono che è necessario un intervento per aiutare chi oggi è costretto a dover sopravvivere con 400-600 euro al mese, passando la vecchiaia tra amarezze e privazioni.

Pubblicità

Adesso c'è solo d'attendere, che dalle parole, il governo giallo-verde passi ai fatti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto