Torna a far discutere uno dei temi più sentiti degli ultimi anni: legalizzare si o no? Ma, soprattutto, sin dove spingersi? Stamattina il senatore pentastellato, Mantero, ha presentato in Senato una nuova proposta che potrebbe realizzare il sogno di molti italiani: coltivare cannabis in casa. Il DDL, infatti, prevede la possibilità di autocoltivare tre piante femmine e quella di detenere fino a 15 grammi di canapa presso il proprio domicilio e 5 grammi fuori da esso.

Pubblicità
Pubblicità

Disegno di legge contro le mafie e antiproibizionista

La proposta in realtà non dovrebbe meravigliare, considerando che già da diverso tempo circa il 70% degli Italiani si è dichiarato favorevole alla legalizzazione e che sull'ondata di queste spinte liberiste, provenienti soprattutto da ambienti dove l’assunzione di marijuana e dei sui derivati è vista di aiuto per calmare i sintomi dei pazienti affetti da SLA e Sclerosi Multipla, siano nati numerosi "canapa shop" dove, i maggiorenni, possono acquistare erba legale il cui livello di THC non supera l’1%.

Pubblicità

Con l'approvazione della proposta fatta da Mantero questa condizione potrebbe venir meno, considerando che la coltivazione autodidatta non garantirebbe i livelli legali di THC ma, soprattutto, non andrebbe a risolvere le grandi e gravi questioni legate al consumo di droga sempre più in continua espansione soprattutto tra i giovani.

In Italia i sostenitori della legalizzazione, forti dell’idea che il proibizionismo proposto per oltre trent’anni dalle destre ha fallito, promuovono l’introduzione di una certa libertà nell’utilizzo e nel commercio delle droghe leggere come strategia di contrasto agli introiti vertiginosi che arricchiscono sempre di più le mafie.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Tuttavia, ciò che viene trascurato è il cuore del problema che soluzioni come quella proposta questa mattina non riescono a colpire: chi e come definisce cosa siano le droghe leggere? E, soprattutto, leggere rispetto a cosa? Inoltre, come ha fatto più volte notare il procuratore Nicola Gratteri il mercato della cannabis rappresenta una realtà completamente trascurabile se paragonato a quello della cocaina che invece non verrebbe intaccato dalla legalizzazione della cannabis.

Tuttavia, volendo tralasciare la questione meramente giuridica, è bene sottolineare che l'introduzione di tale disciplina vedrebbe venir meno la disapprovazione sociale legata al consumo di droga che ogni giorno miete centinaia di vittime in tutto il mondo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto