Onde del mare di altezza pari a 7 metri per circa 48 ore, raffiche di vento a 70 km orari. E' la storia della Sea Watch 3, la nave che da 5 giorni è nelle acque del Mediterraneo con i 47 migranti salvati che nessun Paese vuole ospitare. La situazione sull'imbarcazione è molto delicata. Il comandante della nave deve prima di tutto assicurare la sicurezza ai passeggeri ma, ad ora, non ha ricevuto risposta alcuna in merito alla richiesta di un porto sicuro ove attraccare.

Pubblicità
Pubblicità

Il ministro degli Interni Salvini si è detto pronto a inviare medicine e viveri a bordo, ma non ad autorizzare lo sbarco. Intanto il capo del Viminale ha scritto una lettera formale ai Paesi Bassi, invitando le autorità a prendersi carico dei migranti, in quanto la nave che li ha salvati batte bandiera olandese.

La procura di Catania apre un'inchiesta

I pm hanno chiesto lo sbarco dei migranti minorenni dalla nave Sea Watch 3.

Pubblicità

L’imbarcazione di proprietà della Ong olandese staziona nelle acque territoriali italiane, ferma in mare al largo, a circa un miglio dalla città di Siracusa (Sicilia) a causa delle cattive condizioni meteorologiche. La Procura dei minori presso il Tribunale di Catania ha formalmente inviato l'istanza di sbarco per i minorenni non accompagnati. Secondo la Procura della Repubblica catanese, infatti, si tratterebbe di una violazione dei diritti umani.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Salvini

Intanto, il ministro degli Interni, nonché leader politico del Carroccio e vicepresidente del Consiglio dei Ministri del governo targato Giuseppe Conte, Matteo Salvini, sta valutando l'eventualità di poter querelare i membri dell'equipaggio della Sea Watch 3 per il reato penale di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il responsabile del Viminale ha anche invitato ufficialmente le autorità olandesi o tedesche ad accogliere nei loro confini i 47 immigrati presenti sulla nave della Ong.

Il sindaco di Siracusa: 'Pronti ad accogliere'

La nave olandese è ben visibile da Siracusa. Sulla vicenda è intervenuto anche il primo cittadino della città in provincia di Catania, il sindaco Francesco Italia, che ha scritto al ministero degli Interni, manifestando la propria volontà di essere pronto ad accogliere a Siracusa i 47 migranti, ormai bloccati da sei giorni a bordo dell'imbarcazione. La nave della Ong olandese, infatti, ha avuto il permesso di stazionare nei pressi del porto di Augusta per ripararsi dal mare mosso a causa del meteo avverso, ma non l'autorizzazione a far sbarcare le persone a bordo.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto